Newsletter

«Ripartire insieme». Non poteva essere che questo il titolo del prologo dell'evento in live streaming organizzato dal Corriere il 5 giugno per la Giornata Mondiale dell'Ambiente numero 46. Ripartiamo per andare oltre l'emergenza del virus muovendo da una certezza: la lotta contro la pandemia e le crisi sanitarie e economiche che ne derivano deve incrociare quella - più vasta - dovuta alla crisi climatica. E va combattuta tutti insieme, appunto. È anche per questo che a discutere sul modo di ripartire, nel primo momento della giornata che comincia alle 11 e potrete seguire su Corriere.it e sulle pagine Facebook e YouTube del Corriere, abbiamo coinvolto Franco Berrino, medico ed epidemiologo, per anni direttore della clinica di medicina predittiva dell'Istituto dei Tumori di Milano, e la giovanissima cantautrice italo-brasiliana Gaia, fra le rivelazioni musicali più ascoltate del momento: due generazioni a dialogo che abbracciano tutte le altre. Una giornata-evento in cui giornalisti e ospiti s'incontreranno, fino alle 20, negli studi del Corriere e in remoto: scienziati, manager, medici, imprenditori condivideranno le proprie conoscenze sulla strada da percorrere per cambiare, insieme, comportamenti pubblici e privati. L'agenda comprende l'intervento del commissario Ue per l'Economia Paolo Gentiloni e del ministro per l'Ambiente Sergio Costa, e attraversa molti campi del nostro agire: dall'innovazione alla salute, dalla tecnologia all'agricoltura e alla società. Con il fisico Carlo Rovelli si rifletterà sulla gravità effettiva della crisi climatica, con gli chef Pietro Leemann e Norbert Niederkofler si parlerà del rapporto cibo e territorio. L'architetto spaziale del Mit di Boston Valentina Sumini racconterà del futuro fra il pianeta Terra e la Luna, e Barbara Mazzolai, esperta di MicroBioRobotica dell'Istituto Italiano di Tecnologia, spiegherà l'importanza dei robot ecosostenibili; sulle città, fra mobilità e urbanistica, interverranno Stefano Boeri, Ermete Realacci e Marco Granelli; sul clima, e i «modelli» per la sua salvezza, avrà la parola Antonio Navarra; sul modo di trattare i boschi, e la natura, sentiremo Giorgio Vacchiano. Ci saranno interventi dal mondo dei big dell'energia Claudio Descalzi, ad di Eni, e Francesco Starace, ad di Enel. Parteciperanno esperti di innovazione e riciclo come Carlo Alberto Pratesi, che è anche consulente Conai, imprenditori come Andrea Rosso, Diesel Sustainability Ambassador, e Michele e Francesco Andriani. Per vedere il programma in dettaglio, e capire come seguirlo, trovate tutto sul sito di Corriere.it, dove c'è anche l'orario dei momenti musicali, con Piero Pelù, Daniele Silvestri e gli Eugenio invia di Gioia.

CONTINUA A LEGGERE
Crisi climatica e futuro della Terra: ripartire, insieme - Edoardo Vigna | Corriere della Sera

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti