Newsletter

TRANSIZIONE VERDE E GUSTO DEL FUTURO.
Per una nuova Italia

Quest’anno al centro dell’attenzione del Seminario di Symbola la transizione verde e le sfide di un mondo che cambia.

Partecipano all’appuntamento Paolo Gentiloni, Commissario Europeo all’Economia, Ermete Realacci Presidente Fondazione Symbola; Roberto Cingolani Ministro della Transizione Ecologica; Francesco Starace Amministratore Delegato e Direttore Generale Enel; Regina De Albertis Presidente giovani Ance; Maria Chiara Carrozza Presidente Consiglio Nazionale delle Ricerche. Ha introdotto i lavori Gino Sabatini Presidente Camera di Commercio delle Marche e ha moderato Tessa Gelisio giornalista e conduttrice televisiva.

Diretta dei lavori a questo link

CONTINUA A LEGGERE
TRANSIZIONE VERDE E GUSTO DEL FUTURO | Città del Vino. Associazione Nazionale

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti