Newsletter

L’Italia è il Paese europeo con il maggior numero di imprese di Design con il 15,5 % sul totale UE, seguita da Germania (13,6%), Francia (13,1%), Regno Unito (10,7%) e Spagna (3,2%).

Un primato da attribuire al forte legame tra design e made in Italy. Le 34 mila imprese italiane di design offrono occupazione a 64.551 lavoratori e generano un valore aggiunto superiore a 3 mld di euro. Contribuiscono al 14,8% del giro d’affari a livello UE, dietro a Regno Unito e Germania. Milano si conferma capitale del Design: la città assorbe il 18,3% del valore aggiunto nazionale e il  14% degli addetti.

 

FONTE | Design Economy 2020, Fondazione Symbola, Deloitte, ADI e POLIdesign

Questo primato fa parte del report L’Italia in 10 selfie 2021 realizzato da Fondazione Symbola in collaborazione con Unioncamere e Assocamerestero.

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti