Newsletter

“COOKINGFOR ART”
Lo Stile ed il Gusto della Montagna,
la Presentazione della Guida Touring,
la Finale Nazionale del Premio Miglior Chef Emergente

Officine Farneto di Roma 20-21-22 Ottobre 2012

Si è chiusa la terza edizione di Cookingfor Art che ha visto svolgersi sabato 20 e la domenica 21 l’evento METEDIMONTAGNA dedicato allo stile ed il gusto della MONTAGNA, mentre lunedì 22 è stata presentata la Guida Alberghi e Ristoranti d’Italia 2013 di Touring Editorementre nel pomeriggio si è svolta la Finale Nazionale del Premio Miglior Chef Emergente d’Italia: Diego Rigotti del Trentino, si è imposto sul toscano Gianluca Gorini e sul campano Andrea Napolitano con un menù particolarmente brillante e una ricetta da ricordare:laTrota di lago al miele di rododendro, licheni e gelatina di mela verde. Il vincitore rappresenterà l’Italia di domani al Summit della Cucina Italiana nel Mondo ad Hong Kong, novembre 2012.
Oltre2000 persone hanno visitato l’evento tra il sabato e la domenica per scoprire i sapori di montagna presentati da decine di chef arrivati dal nord. Abbiamo assistito a piatti di rara eleganza presentati da chef del calibro di Alessandro Gilmozzi, Alessandro Dal Degan, Mauro Buffo. Molto seguite le cucine delle minoranze dove piatti originariamente poveri hanno acquisito calibrate rivisitazioni ed intriganti presentazioni, come nelle ricette di Christian Milone, cucina valdese ed occitana, Antonia Klugmann, cucina slava, Matteo Sormani, cucina Walser. Apprezzate infine le esibizioni delle squadre di chef di Cortina d’Ampezzo e della Val Gardena, molto coese e valide nel presentare i loro territori. Tra i prodotti come non citare quelli della Valtellina, dell’Asiago, e soprattutto della Val di Fiemme per varietà e sostanza.
Oltre 600 sono stati gli addetti ai lavori, operatori e giornalisti che sono intervenuti il lunedì. Tra costoro chef famosi, albergatori celebri, giornalisti del settore. Seguitissimo il collegamento televisivo con Canale 5 nella trasmissione “Verissimo” dove il giovane Andrea Bigliardi, appena 15 anni, accompagnato dal preside dell’istituto alberghiero dove studia, ha cucinato con Gianfranco Vissani e Riccardo Monco dell’Enoteca Pinchiorri.

Ricordiamo i numeri dell’evento:12Territori, 6 cucine delle Minoranze, 22 chef di Montagna, 12 chef della Capitale, 22Classroom di approfondimento, 70 aziende espositrici.

Questi i Territori: Cuneo e le Valli Occitane, Pinerolo e la Val Pellice, Val Formazza, Valtellina, Asiago, Val di Fiemme, Madonna di Campiglio, Val Gardena, Monte San Vigilio, Cortina d’Ampezzo, Valli del Natisone, Appennino Abruzzese.Le “Cucine delle Minoranze” : la Cucina Occitana, la Cucina Valdese, la Cucina Walser, la cucina dei Cimbri, la Cucina Ladina, la Cucina slava del Friuli.
Questi gli chef protagonisti al Mountain Cooking Show:Andrea Alfieri,Marco Badalucci, Alessandro Bellingeri, Enzo Bernabei, RaimundBrunner, Mauro Buffo, Eddy Calza, Riccardo Cunico, Alessandro dal Degan, Luigi Dariz, Alessandro Gilmozzi, Antonia Klugmann, Felice lo Basso, Emanuele Mazzella, Alessandro Menardi, Christian Milone, Andrea Moccia, Graziano Prest,Niko Romito,Matteo Sormani, Maria Gabriella Testa, Paolo Venturini.
Questi gli chef della capitale che hanno cucinato nel Gourmet Crystal Garden prendendo in parte spunto dagli ingredienti di montagna:Francesco Apreda, Gabriele Bonci ,Cristina Bowerman, Stefano Callegari, Giancarlo Casa, Arcangelo Dandini, Riccardo Di Giacinto, Simone Fracassi, Alessandro Frassica, Filippo La Mantia, Gianfranco Pascucci, Enrico Pierri.

Main Sponsor dell’evento: Trentodoc, bollicine di montagna, Ferrarelle acqua minerale. Sponsor tecnici per le attrezzature di cucine: Marrone e Agenzia Stefano Conti.

Dove: Officine Farneto, via Monti della Farnesina, 77
 

scelti per te

Fondazione Symbola, Deloitte Private, POLI.design, ADI in collaborazione con Comieco, AlmaLaurea, CUID, con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del ministero delle Imprese e del Made in Italy hanno presentato oggi i risultati del report “Design Economy 2024”, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza del valore del design per la competitività del sistema produttivo nazionale. Hanno presentato il rapporto presso l’ADI Design Museum di Milano, Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Ernesto Lanzillo, Deloitte Private Leader Italia; Luciano Galimberti, presidente ADI; Cabirio Cautela, CEO POLI.design; Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola; Antonio Grillo, design director Tangity Design Studio - NTT Data; Maria Porro, presidente Salone del Mobile; Marco Maria Pedrazzo, designer manager; Susanna Sancassani, managing director METID - Politecnico di Milano; Francesco Zurlo, preside della Scuola del design Politecnico di Milano; Lorenzo Bono, responsabile Ricerca e sviluppo Comieco; Adolfo Urso, ministro delle Imprese e Made in Italy.

Il rapporto “Il valore dell'abitare. La sfida della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio italiano” promosso da CRESME, Fondazione Symbola, Assimpredil Ance e European Climate Foundation è stato presentato oggi da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Regina De Albertis, presidente Assimpredil Ance; Lorenzo Bellicini, direttore CRESME; Virginio Trivella, consigliere Delegato Efficienza energetica Assimpredil Ance; Piero Petrucco, vice presidente FIEC e vicepresidente Centro Studi ANCE; Fabio Stevanato, direttore Programma Italia European Climate Foundation; Marco Osnato, presidente Commissione Finanze; Patrizia Toia, vicepresidente ITRE commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberta Toffanin, consulente del Ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica.

Le Giornate FAI di Primavera sono un esempio bello ed efficace di quanto può fare la società civile organizzata per il nostro Paese. Il patrimonio storico-culturale italiano, la natura, la bellezza sono tratti importanti della nostra identità e sono fondamentali anche per la coesione delle comunità e per la forza e attrattività di larga parte della nostra economia.

L’Italia può dare un contributo importante contro la crisi climatica in tanti settori in cui è già protagonista, a partire dall’economia circolare. Siamo il Paese europeo con la più alta percentuale di riciclo sulla totalità dei rifiuti pari al 83,4% con una incidenza quasi il doppio rispetto alla media UE e ben superiore a tutti gli altri grandi paesi europei: risparmiamo così 23 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio all’anno e circa 63 milioni di tonnellate di CO₂ equivalenti.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti