Newsletter

M.art Technology

I movimenti imprevedibili della giostra, il brivido che corre lungo la schiena in un misto di tremore ed eccitazione, l’esplodere sul viso di una risata senza età. Il toro meccanico rappresenta una delle attrazioni più iconiche dei luna park: un complesso insieme di meccaniche e maestranze diverse, capace di generare un divertimento intramontabile tanto semplice quanto magico.

Pochi sanno però che la storia dei tori meccanici made in Italy non parla solo di questo: la mano artigiana che ha dato vita a creazioni uniche che hanno conquistato i mercati di tutto il mondo, soprattutto negli Stati Uniti, in Russia e negli Emirati Arabi, racconta anche la storia di imprenditoria femminile di Erika Tessarolo. Un esempio che vuole ispirare le altre donne a realizzarsi in lavori e settori a prevalenza maschile, come il suo, trovando la forza di visualizzare i propri obiettivi e credere in sé stessi.

Erika è alla guida di M. art Technology e del suo brand Show Games, l’azienda fondata a Manerba del Garda (BS) dal padre nel 1989 e che oggi rappresenta l’unica realtà artigianale italiana a realizzare tori meccanici – e non solo – capaci di soddisfare completamente gli standard di sicurezza previsti per questa tipologia di prodotto.

Vincitrice nel 2021 del Premio Eccellenza Italiana e del Premio “Donne che ce l’hanno fatta” all’edizione Expo di Milano 2015, Erika Tessarolo ha saputo rivisitare e innovare le produzioni precedenti, adeguandole alle esigenze di un mercato in continua evoluzione. Così le sue opere d’arte elettromeccaniche e in particolare i tori, curate nei minimi dettagli e modellate a mano, sono riuscite ad affermarsi nel panorama internazionale dell’intrattenimento, distinguendosi per sicurezza, qualità e bellezza, attraverso una produzione 100% made in Italy. Parliamo di pezzi unici, che nascono in un processo creativo che vede un mix di tecniche diverse: dalla scultura all’imbalsamazione con gomma piuma riciclata, pelle e montone, come raccontato in “Artigiani del Futuro – 100 storie”, il report realizzato da Fondazione Symbola con Confartigianato, CNA e Casartigiani, che restituisce una foto d’insieme delle eccellenze artigiane italiane.

Creatività e artigianato ma anche sostenibilità. Oltre a operare recuperando materiali di scarto come la pelle, M. art Technology dedica grande attenzione al riciclo e all’abbattimento degli sprechi, per ridurre l’impatto ambientale del processo produttivo. Se una creazione rientra in laboratorio terminato il suo lungo ciclo di utilizzo, viene smontata per recuperare la quasi totalità dei componenti – scelti da principio di qualità e per durare nel tempo – per riutilizzarli e dargli nuova vita. Le giostre realizzate dall’impresa bresciana sono ideate per essere utilizzate in autonomia e senza operatore, ed equipaggiate da tecnologia 4.0 per intervenire e dare assistenza da remoto.

Per realizzare le sue creazioni, Erika ha dato vita ad un network di artigiani locali che la supportano nelle diverse lavorazioni, in una visione d’insieme del territorio che permette di essere più competitivi e resistere meglio alle crisi in atto, in un mercato sempre più caratterizzato dall’imprevedibilità.

Erika Tessarolo con la sua M. art Technology e il brand Show Games, esportando i suoi prodotti di artigianato ha fatto conoscere al mondo la qualità e il saper fare italiano, diventando una vera e propria ambasciatrice dell’eccellenza made in Italy.

M. art Technology

Via delle noveglie, 7

25080 – Manerba del Garda (BS)

www.m-artech.com

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti