Newsletter

35.000 persone hanno colto l’opportunità offerta da La Campionaria delle Qualità Italiane, che si è chiusa ieri a fieramilanocity, di un percorso alla scoperta del meglio della produzione Made in Italy. Le eccellenze del nostro paese si sono messe in mostra dal 7 al 10 maggio: dalla Ferrari ai moderni elicotteri di AgustaWestland Finmeccanica, dagli yacht di lusso alle esperienze di agricoltura biologica, dai tessuti hi-tech alle pi» esclusive ceramiche italiane, dalle nuove tecnologie in fatto di risparmio energetico alle produzioni enogastronomiche tipiche di alcune zone italiane.

“Esiste una larga condivisione sui punti di debolezza dell’Italia, mentre altrettanto non si puù dire sui nostri punti di forza. In questi giorni alla Campionaria delle qualità italiane abbiamo visto rappresentata un’idea di Italia che coglie nelle caratteristiche del nostro sistema produttivo le radici di una scommessa sul futuro.” Ha commentato Ermete Realacci, presidente di Symbola, Fondazione per le Qualità Italiane. “Una scommessa che si nutre di valori e di coesione sociale, di innovazione e ricerca, di ambiente e cultura, tutti elementi che possono rappresentare formidabili fattori produttivi in grado di valorizzare i saperi e i talenti dei territori. Quello che emerge è che esiste in Italia che nel corso di questi anni si è rafforzata in molti settori puntando proprio sulla qualità e oggi è in grado di affrontare la crisi economica”.

Protagonista di questi quattro giorni di mostra il testimonial della manifestazione, il David di Donatello. Orgoglioso di questo successo Maurizio Lupi, amministratore delegato di Fiera Milano Congressi: “l’ospitalità data al David esprime la vocazione di crescita funzionale di una location che a fine 2010 diventerà il pi» importante Centro Congressi d’Europa: una struttura massimamente modulabile e in grado di ospitare eventi di diversa natura, inclusi quelli legati all’Expo 2015 che va a integrare l’offerta, già importante, del Gruppo Fiera Milano. Il grande successo dei visitatori che sono venuti ad ammirare il David è la conferma che la città sa cogliere queste occasioni”. La statua, grazie alla collaborazione tra Fondazione Fiera Milano e Fiera Milano Congressi, sarà visitabile ancora gratuitamente al pubblico fino al 31 maggio, tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00.

Intensa l’attività convegnistica, che ha visto susseguirsi oltre 40 appuntamenti, con presenze illustri come, tra gli altri, Mauro Moretti, amministratore delegato Ferrovie dello Stato a parlare di infrastrutture e mobilità, Riccardo Amoroso responsabile sviluppo progetti nazionali divisione energie rinnovabili di Enel a introdurre il tema dell’energia Made in Italy, e Alessandro Azzi presidente BCC, sponsor della manifestazione, a discutere sul tema delle banche di comunità.

Tante le visite istituzionali che hanno confermato l’importanza di questo appuntamento. Il presidente della Camera dei Deputati Gianfanco Fini ha scelto La Campionaria delle Qualità Italiane per presentare la web tv della Camera, incontrando anche un gruppo di studenti, e il Ministro della Difesa Ignazio La Russa ha fatto visita alla stand dell’Esercito Italiano e delle altre istituzioni pesenti. Il Ministero dell’Interno, ha sostenuto la solidarietà per le popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo con la mostra fotografica-fund rasing “L’Aquila com’era, L’Aquila com’è”, dove si poteva toccare con mano la campana della torre crollata della chiesa di San Bernardino dell’Aquila, recuperata dopo il terremoto e trasportata a Milano dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. La mostra è stata possibile grazie alla collaborazione VVFF che ha fornito anche le foto di attualità, per testimoniare concretamente i disastri al patrimonio artisitico aquilano e la casa editrice abruzzese CARSA, che ha messo a disposizione il suo archivio storico.

La Regione Abruzzo ha anche voluto essere presente con uno stand istituzionale per ripartire concretamente con il rilancio delle imprese locali.
A conclusione della manifestazione è stata annunciato il premio Anteo come migliore partecipazione del sistema imprenditoriale regionale allo stand Unioncamere - Regione Marche, che ha visto la presenza attiva di circa 10 realtà, presentate al pubblico direttamente dagli imprenditori. Infine, al Parco Agroalimentare del San Daniele il riconoscimento come miglior esempio del settore enogastronomico, in mostra.

 

35.000 visitatori a Campionaria delle qualità
35.000 visitatori a Campionaria delle qualità

scelti per te

Il report “Sostenibilità è qualità”, arrivato alla seconda edizione, promosso da Ipsos e Fondazione Symbola in collaborazione con la Camera di Commercio di Brescia è stato presentato oggi da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Roberto Saccone, presidente della Camera di Commercio di Brescia; Nando Pagnoncelli, presidente Ipsos, presso la Sala Consiliare della Camera di Commercio di Brescia. L’evento di oggi si inserisce all’interno del ciclo Futura Colloquia, un percorso di incontri, dialoghi, confronti che riunisce economisti, imprenditori e stampa in una roadmap di avvicinamento a Futura Expo 2025. Questi incontri si propongono di offrire al tessuto imprenditoriale ed economico della provincia di Brescia un confronto sui grandi temi dell’economia mondiale e della sostenibilità declinati sulle esigenze locali.

Al via da oggi fino al 14 giugno la campagna di comunicazione e la mostra “Artigianato, cuore del made in Italy”, presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, promossa da Fondazione Symbola, Confartigianato, CNA, Casartigiani. La mostra è stata inaugurata alla presenza del ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso. Hanno partecipato all’opening Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Marco Granelli, presidente Confartigianato; Dario Costantini, presidente CNA; Giacomo Basso, presidente Casartigiani; Vincenzo Mamoli, segretario Generale Confartigianato; Otello Gregorini, segretario Generale CNA; Pier Paolo De Angelis, direttore generale Casartigiani. La mostra sarà aperta al pubblico tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 20. Un racconto in 22 tavole che racconta come l’artigianato rappresenti una infrastruttura che alimenta le produzioni del made in Italy e l’idea di qualità italiana nel mondo.

Il rapporto ci porta alla scoperta delle oltre 250 specie di alberi monumentali che popolano il Paese, che mostra inoltre una speciale relazione tra i piccoli comuni e i monumenti italiani, raccolti in un censimento in continua crescita grazie al lavoro del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste. Su un totale di 4.287 alberi monumentali individuati ad aprile 2024 sul territorio italiano, 2.107 si trovano nei piccoli comuni. Sono inoltre 1.548 i comuni italiani con almeno un albero monumentale, di questi 962 sono piccoli comuni. Guardando allo specifico delle regioni, il primato per numero totale di alberi monumentali spetta al Friuli-Venezia Giulia, con 454 monumenti verdi, di cui quasi la metà, 209, nei piccoli comuni.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti