Newsletter

Cosa hanno in comune un restauratore di materiali cartacei e un creativo che ne inventa di nuovi, un’antica stamperia e un artigiano del cartone? Qual è il comun denominatore tra un artista della carta o un super tecnico del riciclo? La risposta è da cercare nella passione per la qualità. Una qualità che coniuga rispetto della tradizione e coraggio di innovare e che fa di quello cartario uno dei settori piú vitali del made in Italy.
Il Premio Carte, promosso da Symbola - Fondazione per le qualità italiane e da Comieco - Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base cellulosica, in collaborazione con Assocarta, Assografici e Confartigianato, alla sua seconda edizione, è nato con l'obiettivo di promuovere e riconoscere ruolo economico e culturale che il settore cartario riveste nel nostro Paese. Il settore della carta dimostra tutto il suo peso: circa 10 milioni di tonnellate di carta prodotte all’anno, un fatturato di 7,6 miliardi di euro, 23.000 operatori impegnati nelle cartiere ed altrettanti nell’indotto. La produzione cartaria rappresenta il 2,4% dell’intero settore manifatturiero, ed è caratterizzato da una forte specializzazione per cui le imprese italiane sono leader mondiali. In Europa l’Italia è il 4° produttore, a livello della Francia, e rappresenta, rispetto al totale europeo, il 10% della produzione. L’Italia è oggi tra i primi 4 Paesi in Europa per la raccolta e la lavorazione di carta da macero. Grazie ai progressi compiuti dai sistemi di raccolta l’Italia non è piú un Paese importatore di questa materia prima.

Quattro le categorie prese in esame, 38 i concorrenti, 5 i premiati, a Roma. Alla cerimonia, presieduta da Domenico De Masi presidente del Comitato Scientifico di Symbola, c’erano Ermete Realacci, Presidente della Fondazione Symbola, Piero Attoma, Presidente Comieco, Carlo Montalbetti, Direttore Generale Comieco, Fabio Renzi Segretario Generale Symbola, Roberto Di Vincenzo, amministratore Symbola e molti rappresentanti del settore cartario.
“Il Premio Carte è un’occasione per promuovere e valorizzare i talenti italiani del settore cartario - sostiene Ermete Realacci – Un riconoscimento ad imprese, enti di ricerca, associazioni, istituzioni, scuole di formazione, artigiani e artisti che hanno messo la qualità al centro della produzione di beni e servizi, realtà che rispondono ai criteri di eccellenza, sostenibilità e rispetto della tradizione italiana. Il Premio è stato istituito anche per dare visibilità ad un comparto del made in Italy poco conosciuto.”
“Il made in Italy di qualità è fatto anche di materiali riciclati. I quasi 5 milioni tonnellate di imballaggi in carta e cartone immessi, ogni anno, al consumo, che costituiscono l’immagine commerciale di prodotti famosi e apprezzati in tutto il mondo, vengono, infatti, realizzati trasformando scatole e cartoni usati e raccolti in modo differenziato, in nuovo packaging. – commenta Carlo Montalbetti - il Premio Carte ha evidenziato le eccellenze del settore cartario con decine di realtà produttive ricche di idee e tradizioni, pronte a cogliere le esigenze e le opportunità dei territori dove sono collocate.”.

I VINCITORI

Nella categoria TERRITORIO è stato premiato il COMUNE DI RAVENNA (Emilia Romagna), amministrazione locale impegnata nel sensibilizzare le nuove generazioni, sulla raccolta differenziata. Con il progetto“Per un futuro eco.logico”, Ravenna ha condotto una efficace campagna nelle scuole del territorio.

Nella categoria TECNOLOGIA E INNOVAZIONE il premio è andato a SALES (Piemonte), azienda inventrice della prima carta fotografica “pre-forata”. Una realtà che ha mostrato la migliore capacità di innovazione intesa come investimento in ricerca e nuove tecnologie.

Nella Categoria TALENTO è stata premiata LUCENSE (Toscana), vero e proprio laboratorio per l’ideazione e la sperimentazione di usi innovativi e creativi del cartone. Un’esperienza che non a caso, nasce nello storico distretto cartario di Lucca.

Nella Categoria TRADIZIONE due realtà hanno ricevuto il premio ex aequo, le GRAFICHE TASSOTTI (Veneto), erede dell’antica arte della stampa di Bassano del Grappa e il CENTRO RESTAURO MATERIALE CARTACEO LECCE (Puglia), esperti nel recupero di antichi materiali cartacei. Entrambe realtà figlie della anticissima tradizione artigianale italiana.

Una menzione speciale per BOX MARCHE (Marche), leader nella progettazione e produzione di scatole, espositori da banco e imballaggi in carta. Tradizione innovazione responsabilità sociale e tutela dell’ambiente fanno dell’azienda marchigiana un esempio significativo di soft economy. Box Marche è dunque rappresentante di un settore, quello cartario, che cambia e che sempre di piú sta puntando alla qualità.

I premi, libri fatti a mano con fogli di cotone e un’opera di Roberto Stelluti, sono stati realizzati da CARTIERA ARTEM IN FABRIANO (Marche). L’azienda marchigiana nella precedente edizione del Premio Carte si era aggiudicata il titolo nella categoria Tradizione.

 

Instagram
condividi su
Carte 2008, un premio alla qualità nel settore cartario
Carte 2008, un premio alla qualità nel settore cartario

scelti per te

Accelerare la transizione verde e sostituire i combustibili fossili oltre a contrastare la crisi climatica ci rende più liberi dalla dipendenza dal gas e petrolio di importazione. Dipendenza che stiamo pagando pesantemente a seguito della guerra scatenata dall’invasione dell’Ucraina. Esiste già oggi un’Italia che affronta la sfida alla crisi climatica. Secondo il rapporto GreenItaly di Fondazione Symbola e Unioncamere circa un terzo delle imprese (510 mila) negli ultimi cinque anni hanno investito sul green in Italia innovano di più, esportano di più, producono più posti di lavoro: 3,2 milioni di greenjobs.

Fondazione Symbola, Deloitte Private, POLI.design, ADI in collaborazione con Comieco, AlmaLaurea, CUID, con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del ministero delle Imprese e del Made in Italy hanno presentato oggi i risultati del report “Design Economy 2024”, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza del valore del design per la competitività del sistema produttivo nazionale. Hanno presentato il rapporto presso l’ADI Design Museum di Milano, Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Ernesto Lanzillo, Deloitte Private Leader Italia; Luciano Galimberti, presidente ADI; Cabirio Cautela, CEO POLI.design; Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola; Antonio Grillo, design director Tangity Design Studio - NTT Data; Maria Porro, presidente Salone del Mobile; Marco Maria Pedrazzo, designer manager; Susanna Sancassani, managing director METID - Politecnico di Milano; Francesco Zurlo, preside della Scuola del design Politecnico di Milano; Lorenzo Bono, responsabile Ricerca e sviluppo Comieco; Adolfo Urso, ministro delle Imprese e Made in Italy.

Il rapporto “Il valore dell'abitare. La sfida della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio italiano” promosso da CRESME, Fondazione Symbola, Assimpredil Ance e European Climate Foundation è stato presentato oggi da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Regina De Albertis, presidente Assimpredil Ance; Lorenzo Bellicini, direttore CRESME; Virginio Trivella, consigliere Delegato Efficienza energetica Assimpredil Ance; Piero Petrucco, vice presidente FIEC e vicepresidente Centro Studi ANCE; Fabio Stevanato, direttore Programma Italia European Climate Foundation; Marco Osnato, presidente Commissione Finanze; Patrizia Toia, vicepresidente ITRE commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberta Toffanin, consulente del Ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica.

Le Giornate FAI di Primavera sono un esempio bello ed efficace di quanto può fare la società civile organizzata per il nostro Paese. Il patrimonio storico-culturale italiano, la natura, la bellezza sono tratti importanti della nostra identità e sono fondamentali anche per la coesione delle comunità e per la forza e attrattività di larga parte della nostra economia.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti