Newsletter

Il sistema produttivo culturale e creativo del 2022 vale 95,5 miliardi di euro corrispondenti al 5,6% del valore aggiunto italiano ed attiva complessivamente 271,9 mld di euro. Il settore culturale offre lavoro a quasi un milione e mezzo di persone (5,8% dell’occupazione). L’Italia è il paese dell’Unione Europea con il maggior numero di imprese in ambito design (36 mila), che offrono occupazione a 63 mila lavoratori e generano un valore aggiunto pari a 2,94 mld.

L’Emilia-Romagna è la seconda regione per valore aggiunto e occupazione nel settore del design e si conferma come importante hub culturale e creativo, con Bologna tra le prime dieci province per incidenza della cultura e della creatività nella creazione di valore aggiunto e posti di lavoro.
Il Sistema Produttivo Culturale e Creativo dell’Emilia Romagna produce 8,2 miliardi di euro di valore aggiunto sul totale dell’economia, il 5,1% della ricchezza prodotta dall’economia regionale. In termini di posti di lavoro, i 125 mila addetti della filiera incidono per il 5,8% dell’occupazione regionale. Su base provinciale, Bologna si colloca quinta per valore aggiunto con 2.509 miliardi e sesta per numero di occupati con 36.546; seguono Modena con 1.251 milioni di valore aggiunto e 20.369 occupati; Parma con 942 milioni di valore aggiunto e 14.081 occupati; Reggio Emilia con 933 milioni di valore aggiunto e 14.382 occupati; Forlì Cesena 539 milioni di valore aggiunto e 10.003 occupati; Rimini con 480 milioni di valore aggiunto e 9.195 occupati; Ravenna con 470 milioni di valore aggiunto e 8.210 occupati; Piacenza con 398 milioni di valore aggiunto e 6.629 occupati; Ferrara con 329 milioni di valore aggiunto e 5.801 occupati.

Il rapporto Io sono cultura 2023, arrivato alla tredicesima edizione, è realizzato da Fondazione Symbola e Unioncamere, con la collaborazione del Centro Studi delle Camere di Commercio Guglielmo Tagliacarne, insieme a Istituto per il Credito Sportivo, la Fondazione Fitzcarraldo e Fornasetti con il patrocinio del Ministero della Cultura, è stato presentato oggi a Bologna nell’Auditorium Enzo Biagi biblioteca Salaborsa da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Stefano Bonaccini, presidente Regione Emilia – Romagna; Matteo Lepore, Sindaco di Bologna; Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola; con i saluti di Elena Di Gioia, Delegata del sindaco di Bologna alla Cultura e l’introduzione di Rosa Grimaldi, delegata del sindaco di Bologna alle Industrie Culturali e Creative. Ne hanno discusso Mario Cucinella, architetto; M Thalita Malagò, Italian Interactive Digital Entertainment Association; Roberta Paltrinieri, Università di Bologna; Antonio Taormina, Comitato Scientifico Fondazione Symbola. Durante l’evento sono stati presentati i progetti vincitori INCREDIBOL! e Bologna Game Farm 2023 da Giorgia Boldrini, direttrice settore Cultura e Creatività Comune di Bologna.

Qui il report completo: https://symbola.net/ricerca/io-sono-cultura-2023/

SCARICA L’ARTICOLO IN PDF
Io sono cultura 2023, il rapporto annuale di fondazione Symbola e Unioncamere presentato all’incontro in Salaborsa | Bologna2000.com

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti