Newsletter

Sono 74 le aziende, quotate e non, che si sono messe in gioco presentando un «bilancio di sostenibilità». Tante hanno risposto alla cali lanciata in occasione del «Premio Bilancio di Sostenibilità»: tre i settori scelti per questa prima edizione Energia, Food, Fashion promossa da Corriere della Sera con Bologna Business School (Bbs) e l'Associazione per la promozione della cultura della cooperazione e del non profit (Aiccon). Oggi nella sede del quotidiano in sala Buzzati e in streaming su corriere.it, si terrà l'evento conclusivo e si scoprirà chi ha ottenuto i migliori punteggi. All'evento partecipano Matteo Mura, Mariolina Longo e Leticia Canal Vieira, i docenti e ricercatori di Bbs-Bologna Business School che hanno esaminato i documenti presentati dalle imprese per valutare chi sa raccontare meglio impegni e prestazioni non finanziarie; il presidente di Aiccon Stefano Granata, il segretario generale del Global Network Daniela Bernacchi e Ermete Realacci di Fondazione Symbola. Chi decide di redigere un bilancio di sostenibilità, oltre a rendicontare gli aspetti finanziari e contabili, fa una scelta di campo. Ha cioè ben chiaro che il business tradizionale non funziona più da solo, che i termini ambiente, sociale, pari opportunità, non sono solo parole ma vanno declinati, giorno dopo giorno, concretamente, nel modo di fare impresa. Quasi la metà delle 35 imprese che hanno risposto alla cali appartengono al Food, 21 al Fashion e 18 al settore energetico. A queste aziende è dedicato il numero speciale di «Buone Notizie» domani in edicola gratis con il Corriere. Per ognuno dei tre settori sono state individuate le cinque realtà con il risultato finale più alto. Sono poi state e aggiunte le prime tre del comparto medio-piccolo, che fanno questo sforzo avendo a disposizione meno meni e personale. In attesa di standard riconosciuti per redigere questo tipo di bilancio i ricercatori della Bbs, dopo due focus group con esperti, hanno individuato 15 temi inerenti ad aspetti legati alla governane ambientale (in tutto 8), sociale (5) e aziendale (2). Tutti sono riconducibili ai 17 obiettivi dell'Agenda Onu 2030 per lo sviluppo sostenibile. Tra i temi considerati: diversità e pari opportunità, equità delle politiche retributive, condizioni di lavoro, protezione del consumatore, sviluppo e coinvolgimento delle comunità, emissioni, gestione dei rifiuti, sostenibilità delle materie prime, politiche fiscali e di anti-corruzione. L'auspicio è che queste esperienze siano da stimolo ad altre aziende.

SCARICA L’ARTICOLO IN PDF
La sostenibilità nel bilancio, ecco le imprese in prima linea - Paola D'Amico | Corriere della Sera

scelti per te

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti