Newsletter

Interpreta e classifica le onde cerebrali generate dal movimento immaginato, attraverso un software basato sull’IA e grazie a sensori indossabili

BrainControl è il nome che racchiude una tecnologia rivoluzionaria, unica nel suo genere, che permette di tradurre il pensiero in azione. L’obiettivo è restituire dignità e possibilità di interagire con il mondo esterno a persone con gravi disabilità, dovute a patologie neuro-muscolari degenerative come la SLA, o a danni cerebrali di origine ischemica o traumatica, incluse le persone locked-in (coscienti ma paralizzate). Un dispositivo unico di comunicazione aumentativa alternativa (CAA) controllato da onde cerebrali che rende possibile l’interazione con i propri cari e di controllare una serie di tecnologie abilitanti (dispositivi domotici, carrozzine elettriche, etc.) mediante il "pensiero" (tecnicamente Brain-Computer Interface). L’innovativa pmi senese interpreta e classifica le onde cerebrali generate dal movimento immaginato, attraverso un software basato sull’IA e grazie a sensori indossabili. Numerosi i riconoscimenti internazionali: dal Microsoft Health Innovation Awards 2016 (Las Vegas) al business talent B Heroes 2020 di Intesa Sanpaolo, fino al Bando Horizon 2020 dell’UE. Brain Control Avatar, voluto da UBI BANCA, Comune di Siena e Museo Santa Maria della Scala, è la sua evoluzione: attraverso un alter ego robotico teleguidato, permette a persone con disabilità di muoversi negli spazi del museo attraverso l’Avatar, visitandolo in modo immersivo e interagendo con le persone presenti, senza muoversi da casa. Alla base di tutto questo vi è la convinzione che l’innovazione tecnologica debba innanzitutto portare un miglioramento nella qualità di vita delle persone.

Instagram
condividi su

scelti per te

ricerche correlate

Campo non obbligatorio per persone fisiche

Devi accedere per poter salvare i contenuti