Newsletter

L’Italia dei talenti si da appuntamento in Umbria. Il 21 e il 22 luglio, la bella regione diventerà infatti la capitale della qualità e della soft economy. Una due giorni di confronto, tra piccole e grandi storie di successo del made in Italy e tra reti produttive che puntano sulla qualità o sull’innovazione, sulla tradizione o sull’ingegno, sulla coesione sociale o sulla tutela dell’ambiente. Quello di Montefalco e Bevagna sarà un incontro di realtà che si basano sulla soft economy e che non solo riescono a restare galla, ma sono diventate gli esempi nel mondo dell’Italia che innova e progredisce: dell’Italia “che ce la fa”.
Qui imprenditori, studiosi, sindaci, direttori di parchi, politici, presidenti di associazioni ambientaliste e di reti tematiche, rappresentanti delle Regioni e giornalisti, scambieranno le loro vedute e metteranno in rete le loro esperienze. Un’occasione per valutare insieme come il nostro paese puó guardare con fiducia al futuro se, al pari di tutti i grandi paesi industrializzati, saprà puntare sui saperi, sulla ricerca, e sul rinnovamento e allo stesso tempo valorizzare il suo straordinario patrimonio di storia, natura, cultura e creatività.
Al convegno di Symbola, inoltre, saranno numerose imprese che rappresentano la soft economy. Dalla Bialetti, famosa per le caffettiere e leader europeo nel settore delle pentole, un’azienda che ha puntato il suo successo sull’innovazione, ma anche sulla responsabilità sociale d’impresa e il legame con il territorio, alla Granarolo, industria casearia, che basa le sue produzioni sulla coesione tra il territorio e il rispetto dell’ambiente, da Raggio Verde di Artuto Malagoli, che ha riscoperto la canapa e la usa per la carta e come tessuto per grandi stilisti, alla ST Microelectronics, che produce componenti elettronici combinando iperinnovazione tecnologica e risparmio energetico.
Da venerdí 21 luglio, a partire dalle 9.30, fino all’ora di pranzo del sabato 22, i comuni di Bevagna e Montefalco saranno cosí, la cornice del tradizionale seminario estivo di Symbola. In particolare, nella prima sessione della prima giornata, “La soft economy: territorio, passione e innovazione”, aperta dalle relazioni di Fabio Renzi, segretario di Symbola e di Aldo Bonomi, presidente di AASTER, saranno messe a confronto esperienze di imprenditori, con quelle di ricercatori e di esponenti di organizzazioni del lavoro. Dal produttore vinicolo Marco Caprai a Carlo Bassi di ExpoCts-Fiera Milano, da Giuseppe De Rita Segretario del Censis a Cesare Fumagalli Segretario di Confcommercio e molti altri. La sessione del pomeriggio, “La forza delle reti, le migliori pratiche”, sarà il momento in cui le realtà che muovono il territorio si incontreranno con il mondo dell’associazionismo. I presidenti di reti come le Città del Vino, i Borghi piú belli d’Italia, la Città della Castagna discuteranno con l’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani, con l’Anci Associazione Nazionale Comuni Italiani, con Paolo Terribile Presidente dei Distretti Italiani, con Francesco Ferrante il Direttore Generale di Legambiente.
Le fila del ragionamento si approfondiranno nella giornata di sabato: “Il futuro della qualità italiana”. A discuterne Ermete Realacci, Presidente di Symbola, Francesco Rutelli Vice Presidente del Consiglio e Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Walter Veltroni Sindaco di Roma e Alessandro Profumo Amministratore delegato di Unicredito e presidente del Forum della Fondazione. Nel corso della giornata verrà anche presentata Signa: indagine previsionale sul futuro della qualità italiana, realizzata da Domenico De Masi, sociologo del lavoro e presidente del comitato scientifico di Symbola.

 

Instagram
condividi su
L'Italia dei talenti si dà appuntamento in Umbria
L'Italia dei talenti si dà appuntamento in Umbria

scelti per te

Accelerare la transizione verde e sostituire i combustibili fossili oltre a contrastare la crisi climatica ci rende più liberi dalla dipendenza dal gas e petrolio di importazione. Dipendenza che stiamo pagando pesantemente a seguito della guerra scatenata dall’invasione dell’Ucraina. Esiste già oggi un’Italia che affronta la sfida alla crisi climatica. Secondo il rapporto GreenItaly di Fondazione Symbola e Unioncamere circa un terzo delle imprese (510 mila) negli ultimi cinque anni hanno investito sul green in Italia innovano di più, esportano di più, producono più posti di lavoro: 3,2 milioni di greenjobs.

Fondazione Symbola, Deloitte Private, POLI.design, ADI in collaborazione con Comieco, AlmaLaurea, CUID, con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del ministero delle Imprese e del Made in Italy hanno presentato oggi i risultati del report “Design Economy 2024”, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza del valore del design per la competitività del sistema produttivo nazionale. Hanno presentato il rapporto presso l’ADI Design Museum di Milano, Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Ernesto Lanzillo, Deloitte Private Leader Italia; Luciano Galimberti, presidente ADI; Cabirio Cautela, CEO POLI.design; Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola; Antonio Grillo, design director Tangity Design Studio - NTT Data; Maria Porro, presidente Salone del Mobile; Marco Maria Pedrazzo, designer manager; Susanna Sancassani, managing director METID - Politecnico di Milano; Francesco Zurlo, preside della Scuola del design Politecnico di Milano; Lorenzo Bono, responsabile Ricerca e sviluppo Comieco; Adolfo Urso, ministro delle Imprese e Made in Italy.

Il rapporto “Il valore dell'abitare. La sfida della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio italiano” promosso da CRESME, Fondazione Symbola, Assimpredil Ance e European Climate Foundation è stato presentato oggi da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Regina De Albertis, presidente Assimpredil Ance; Lorenzo Bellicini, direttore CRESME; Virginio Trivella, consigliere Delegato Efficienza energetica Assimpredil Ance; Piero Petrucco, vice presidente FIEC e vicepresidente Centro Studi ANCE; Fabio Stevanato, direttore Programma Italia European Climate Foundation; Marco Osnato, presidente Commissione Finanze; Patrizia Toia, vicepresidente ITRE commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberta Toffanin, consulente del Ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica.

Le Giornate FAI di Primavera sono un esempio bello ed efficace di quanto può fare la società civile organizzata per il nostro Paese. Il patrimonio storico-culturale italiano, la natura, la bellezza sono tratti importanti della nostra identità e sono fondamentali anche per la coesione delle comunità e per la forza e attrattività di larga parte della nostra economia.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti