Newsletter

“Il Recovery Plan non è una legge di bilancio, i numeri non tornano rispetto a quanto indicato dall’Ue, i progetti non sono definiti in termini di tempi e di strumenti. Penso che uno dei successi più importanti del secondo Governo Conte è stato aver gestito bene la fase iniziale in cui l’Europa ha fatto questa scelta, non scontata, anzi alcuni anni fa impensabile, di destinare risorse molto importanti (750 mld di euro) alla ripresa, e di queste risorse maggior beneficiario è l’Italia con 209 mld. La fase invece di gestione di questo successo è francamente ancora inadeguata. Si sapeva che sarebbe stato necessario mettere ancora mano al Recovery Plan e da questo punto di vista penso che il Governo Draghi, e soprattutto la figura di Draghi, possono rappresentare ancora di più una occasione per l’Italia. I fondi stanziati per la transizione verde nell’ultima proposta sono molto meno del 37% assegnato dall’Europa a questa partita, secondo il quadro di finanziamenti presentato avrebbero dovuto essere 82 mld di euro e sono invece 68. E non va bene, l’Europa ci avrebbe rimandato indietro quel piano. Aggiungo che, come recentemente ha detto il Commissario Gentiloni, e guardando già a dove lavorerà Draghi, mancavano molti riferimenti su tempi, obiettivi e progetti. In particolar mondo per la parte prevalente della transizione verde non sono indicati obiettivi e i capitoli di bilancio indicati in qualche caso sono già coperti, vedi incentivi sull’edilizia, ma non si dice vogliamo arrivare entro tot tempo a questa percentuale di fonti rinnovabili, a questa riduzione del consumo di energia dei cicli produttivi. Sul Recovery Plan – prosegue Realacci - anche dal punto di vista quantitativo, i conti non tornano, come ha confermato anche il servizio studi della Camera e del Senato. La scelta di puntare sulla transizione verde, sul contrasto alla crisi climatica e sul Green New Deal è una scelta di rafforzamento dell’economia e della nazione. La green economy è la migliore risposta alla crisi che stiamo attraversando e con il Recovery Plan abbiamo un’occasione che non possiamo perdere”.

Lo ha dichiarato Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola, oggi in audizione presso l’VIII Commissione (Ambiente, Territorio E Lavori Pubblici) della Camera dei Deputati.

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti