Newsletter

Puú sembrare incredibile eppure la Grande Muraglia Cinese e i muretti a secco delle Cinque Terre misurano all’incirca la stessa lunghezza: settemila chilometri ciascuna, metro pi£, metro meno. E per la meraviglia che rappresentano, l’Unesco le ha inserite entrambe tra i beni patrimonio dell’Umanità, come testimonianza della civilizzazione umana ed esempi di virtuosa interazione fra uomo e natura.
Due opere dell’ingegno umano profondamente diverse e distanti per genesi, contesto e motivazioni, oggi collegate perché rappresentanti di tesori naturali e culturali di valore mondiale e come tali, da promuovere congiuntamente come esempi eccellenti di valorizzazione del territorio e di promozione per il turismo sostenibile.
La Società della Grande Muraglia ed il Parco Nazionale delle Cinque Terre, per il rafforzamento della reciproca collaborazione nello scambio di idee e di esperienze positive e per la promozione di forme di scambio di turismo sostenibile, nello scorso mese di luglio a Beijing (Cina) hanno siglato un protocollo d’intesa. Nel prossimo incontro che si terrà giovedó 30 novembre, nel Castello di Riomaggiore a partire dalle ore 16 si intenderà proseguire con progetti per rafforzare i legami ed individuare un percorso comune nell’azione di tutela dei due beni inseriti nella lista del patrimonio
UNESCO.
All’incontro prenderanno parte Luo Qin Segretario Generale – Associazione del Popolo Cinese per l’Amicizia con i Paesi Stranieri, Ermete Realacci, Presidente di Symbola – Fondazione per le Qualità Italiane, Dong Yaohui, Vice Presidente Società della Grande Muraglia Cinese, Claudio Burlando, Presidente della Regione Liguria, Xie Jiuzhoung,
Direttore del Dipartimento di Comunicazione della Provincia di Badaling, Beijing, Aldo Cosentino, Direttore Generale Servizio Protezione Natura del Ministero dell’Ambiente.
La delegazione cinese porterà in dono alle Cinque Terre un vaso di porcellana, realizzato a mano da un celebre artista cinese. Il vaso è stato realizzato usando antica porcellana Jun e riscaldato in una delle pi£ antiche fornaci del paese. La sua creazione è cosó complicata che soltanto un pezzo su dieci puú entrare a buon diritto nel processo di cottura, rendendo quindi la porcellana Jun veramente speciale e unica al tempo stesso. Infatti,un popolare detto cinese spiega che mentre l’oro è soggetto ad essere prezzato, la porcellana Jun è senza prezzo.
Il vaso conterrà terra dei fondali dei fiumi Yangzte e Yellow, alla quale sarà aggiunta la terra delle Cinque Terre a rappresentare l'amicizia tra la Grande Muraglia e le Cinque Terre.

Si è tenuta oggi la presentazione del protocollo d'intesa fra la grande Muraglia Cinese e il Parco Nazionale delle Cinque Terre
Si è tenuta oggi la presentazione del protocollo d'intesa fra la grande Muraglia Cinese e il Parco Nazionale delle Cinque Terre

scelti per te

Il 93% delle produzioni tipiche nazionali che si consumano nasce nei comuni italiani con meno di cinquemila abitanti, un patrimonio di gusto e biodiversità che fa da traino anche al turismo, con 2 italiani su 3 (65%) tra coloro che andranno in vacanza che visiteranno un borgo nell’estate 2024, secondo Ixe’. È quanto emerge dallo studio Coldiretti/Symbola su “Piccoli comuni e tipicità”. Il rapporto vuole raccontare un patrimonio enogastronomico del Paese custodito fuori dai tradizionali circuiti turistici, valorizzato e promosso grazie alla legge n.158/17, a prima firma Realacci, con misure per la valorizzazione dei Piccoli Comuni.

Il rapporto analizza e racconta i fattori più significativi della competitività del nostro Paese, con particolare attenzione verso gli aspetti che non vengono colti dagli indicatori economici più diffusi, sottolineando l’importanza della collaborazione per le imprese. La coesione migliora il legame e il radicamento nelle comunità e nei territori, accresce il senso di appartenenza e soddisfazione di vita dei dipendenti, il coinvolgimento e il dialogo con i clienti.

“Acqua futura” è il titolo dell’appuntamento promosso in collaborazione con Gruppo Tea all’interno del Seminario di Mantova di Fondazione Symbola e durante il quale è stato conferito un riconoscimento all’impegno civile sull’acqua alla Cooperativa C.A.B.Ter.Ra per essersi offerta, durante l’alluvione in Romagna nel 2023, di far allagare centinaia di ettari dei suoi terreni per salvare Ravenna, la sua comunità, i suoi mosaici. Uno straordinario esempio di solidarietà e senso civico, di impegno e sacrificio per il bene del proprio territorio, martoriato da una calamità naturale. All’interno del dibattito, al quale hanno partecipato i “Nobel” dell’Italia Riccardo Valentini, Past – President SISC e Andrea Rinaldo, Ordinario di Costruzioni idrauliche all’Università di Padova, si è evidenziato che l’acqua è una risorsa limitata e a questo si aggiungono gli effetti della crisi climatica, che agiscono direttamente sul ciclo idrologico e sulla disponibilità di risorsa idrica.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti