Newsletter

Pur di liberarsi dei tanti tronchi di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia nell'ottobre del 2018 si è preferito persino cederli gratuitamente ad aziende cinesi che se li sono venuti a prendere. Allora le quotazioni del legno erano ai minimi. Oggi sono ai massimi. Addirittura il prezzo del legname da opera, esempio per l'edilizia - effetto anche del superbonus - è aumentato del Go per cento in un solo anno. La nostra industria del legno-arredo è leader mondiale. Ha una bilancia commerciale attiva di circa 10 miliardi. Ma importa l'8o per cento della materia prima di cui ha bisogno. Una fattura di 3 miliardi. Pesante e imbarazzante.

Il panorama

L'Italia, nonostante gli incendi che hanno tristemente segnato questa estate e distrutto un'area verde pari alla superficie di Roma, Napoli e Milano messe insieme, ha un immenso patrimonio boschivo. Cresciuto del 20 per cento negli ultimi 3o anni Non lo sa, tranne rari casi, curare. Non lo sa, in quasi tutti i casi, sfruttare al meglio. Non è vero che sia Un legname di qualità inferiore rispetto a quello del Nord Europa, come ha recentemente riconosciuto il Comitato europeo di normazione (Cen). Dati che ignoriamo (colpevolmente) mentre nel dibattito pubblico ci si inebria di buone intenzioni sulla sostenibilità ambientale e sulla necessaria riduzione delle emissioni climalteranti. Gli oltre un milioni di ettari di foreste italiane, circa il 36 per cento del territorio italiano, «sottraggono ogni anno dall'atmosfera — si legge in un rapporto di Symbola, di cui è presidente Ermete Realacci — circa 46,2 milioni di tonnellate di anidride carbonica». «Una gestione avanzata dei boschi — è scritto ancora — può migliorare del 3o per cento l'assorbimento del CO2. Inoltre se aumentassimo l'utilizzo del legno in tutti gli edifici pubblici (50%o modello francese), si avrebbe per ogni chilogrammo di legno impiegato una riduzione media di 1,2 chilogrammi di carbonio, dovuto al mancato utilizzo di materiali carbon intensive come cemento e acciaio».

SCARICA ARTICOLO COMPLETO
Sostenibilità (e non solo): le leadership non valorizzate | L'Economia - Corriere della Sera | Ferruccio de Bortoli

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti