Newsletter

SYMBOLA E GREEN BUILDING COUNCIL ITALIA INSIEME
PER PROMUORE LA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE IN EDILIZIA
LE DUE ASSOCIAZIONI SIGLANO PROTOCOLLO DI INTESA

 
Symbola - Fondazione per le Qualità Italiane e Green Building Council Italia hanno firmato un protocollo di intesa per promuovere attività di ricerca e iniziative comuni per  la sostenibilità ambientale in ambito urbano ed edilizio.
 
GBC Italia è un'associazione no profit membro della rete internazionale dei Green Building Council che accanto alle attività legate alle procedure di certificazione di sostenibilità ambientale degli edifici  LEED-GBC, fra i più riconosciuti a livello mondiale, favorisce la diffusione di una cultura dell'edilizia sostenibile, della riqualificazione e della rigenerazione urbana.
 
Symbola la Fondazione per le qualità italiane, che promuove un'idea di sviluppo del Paese nel segno dell'innovazione e della sostenibilità, riconosce in Gbc Italia un soggetto attivo e  qualificato nella promozione di uno sviluppo edilizio ed urbano in direzione del “Green Building” basato su sistemi di rating riconosciuti a livello internazionale.
 
Con tali premesse Gbc e Symbola intendono promuovere la cultura della sostenibilità ambientale per la rigenerazione urbana ed edilizia attraverso ricerche, dossier, rapporti, incontri, seminari, azioni di comunicazione e di formazione sia in ambito nazionale che internazionale.
 
Per questo la prima iniziativa comune di Symbola e Gbc Italia sarà dedicata al recente protocollo di sostenibilità ambientale degli edifici storici GBC Historic Building - curato proprio da Gbc Italia - che rappresenta una eccellenza ed una “prima” italiana a cui la comunità dei Green Building Council internazionale guarda con profondo interesse ed apprezzamento.
 
“Un bell’esempio di green economy che incrocia la vocazione italiana alla qualità con la bellezza, la cultura, l’innovazione, la qualità della vita e la forza dei territori – commenta Ermete Realacci, Presidente della Fondazione Symbola -. Un’iniziativa, questa che vede protagonisti Symbola e Gbc Italia,  che rappresenta un’esperienza all’avanguardia nel Paese e nel mondo perché coniuga la valorizzazione del patrimonio edilizio storico con il miglioramento dell’efficienza energetica, della  qualità e della sicurezza in edilizia, riducendo sia le emissioni dovute al consumo energetico degli edifici che le bollette del nostro patrimonio storico. Tra una casa costruita bene e una casa costruita male passa, ad esempio, passa una bolletta di circa 1.500 euro l’anno. Anche per questo è importante stabilizzare il credito di imposta in edilizia. Proprio gli incentivi fiscali per ristrutturazioni ed efficienza energetica in edilizia sono stati la misura più efficace messa in campo dal governo nel 2013 per l’occupazione: secondo le stime di Cresme e Servizio studi della Camera hanno prodotto 28 miliardi di investimenti, qualificando il sistema imprenditoriale del settore, garantendo quasi 340.000 posti di lavoro considerando anche l’indotto”.
 
Il presidente di Gbc Mario Zoccatelli esprime“Un sincero e profondo apprezzamento per l’inizio di una intensa collaborazione con Symbola - Fondazione per le Qualità Italiane ove la ricerca  e la produzione congiunta delle eccellenze sostenibili del nostro Paese si uniscono per confrontarsi con la realtà globale. Gbc Italia esprime  questa sua qualità italiana anche con la redazione di protocolli allineati alle direttive europee ed ai sistemi di rating internazionali per la valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici storici (GBC Historic Building) e dei quartieri (GBC Quartieri). Non solo efficienza energetica ma attenzione alle risorse idriche,alla qualità ed al benessere ambientale interno ed esterno. L’Italia ha bisogno di esprimere ciò che sa meglio fare con lo sguardo rivolto al passato guardando al futuro”.
 
 
SU RICHIESTA E' DISPONIBILE IL PROTOCOLLO DI INTESA
 
Ufficio stampa Symbola - Laura Genga - 380/7067441
Instagram
condividi su

scelti per te

Fondazione Symbola, Deloitte Private, POLI.design, ADI in collaborazione con Comieco, AlmaLaurea, CUID, con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del ministero delle Imprese e del Made in Italy hanno presentato oggi i risultati del report “Design Economy 2024”, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza del valore del design per la competitività del sistema produttivo nazionale. Hanno presentato il rapporto presso l’ADI Design Museum di Milano, Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Ernesto Lanzillo, Deloitte Private Leader Italia; Luciano Galimberti, presidente ADI; Cabirio Cautela, CEO POLI.design; Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola; Antonio Grillo, design director Tangity Design Studio - NTT Data; Maria Porro, presidente Salone del Mobile; Marco Maria Pedrazzo, designer manager; Susanna Sancassani, managing director METID - Politecnico di Milano; Francesco Zurlo, preside della Scuola del design Politecnico di Milano; Lorenzo Bono, responsabile Ricerca e sviluppo Comieco; Adolfo Urso, ministro delle Imprese e Made in Italy.

Il rapporto “Il valore dell'abitare. La sfida della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio italiano” promosso da CRESME, Fondazione Symbola, Assimpredil Ance e European Climate Foundation è stato presentato oggi da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Regina De Albertis, presidente Assimpredil Ance; Lorenzo Bellicini, direttore CRESME; Virginio Trivella, consigliere Delegato Efficienza energetica Assimpredil Ance; Piero Petrucco, vice presidente FIEC e vicepresidente Centro Studi ANCE; Fabio Stevanato, direttore Programma Italia European Climate Foundation; Marco Osnato, presidente Commissione Finanze; Patrizia Toia, vicepresidente ITRE commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberta Toffanin, consulente del Ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica.

Le Giornate FAI di Primavera sono un esempio bello ed efficace di quanto può fare la società civile organizzata per il nostro Paese. Il patrimonio storico-culturale italiano, la natura, la bellezza sono tratti importanti della nostra identità e sono fondamentali anche per la coesione delle comunità e per la forza e attrattività di larga parte della nostra economia.

L’Italia può dare un contributo importante contro la crisi climatica in tanti settori in cui è già protagonista, a partire dall’economia circolare. Siamo il Paese europeo con la più alta percentuale di riciclo sulla totalità dei rifiuti pari al 83,4% con una incidenza quasi il doppio rispetto alla media UE e ben superiore a tutti gli altri grandi paesi europei: risparmiamo così 23 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio all’anno e circa 63 milioni di tonnellate di CO₂ equivalenti.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti