Newsletter

Si svolgerà a Sansepolcro l’edizione 2017 di ReStartApp, l’incubatore temporaneo per favorire la nascita di nuove giovani imprese in Appennino, promosso da Fondazione Edoardo Garrone in collaborazione con Associazione Progetto Valtiberina.

Le candidature per il campus residenziale gratuito, che dal 6 marzo al 26 maggio 2017 ospiterà 15 giovani, di età inferiore ai 35 anni, che abbiano un’idea imprenditoriale o una start up nelle filiere tipiche del territorio appenninico (agricoltura, gestione forestale, allevamento e agroalimentare, turismo, artigianato e cultura), dovranno essere presentate entro l'11 gennaio 2017. 

Obiettivo del progetto è dare un contributo concreto al rilancio economico delle aree rurali e montane, valorizzando il territorio e le sue risorse, attraverso la formazione e le progettualità delle nuove generazioni.

“Questa iniziativa si inserisce a pieno titolo nelle attività che Associazione Progetto Valtiberina si propone di sviluppare per sostenere lo sviluppo del nostro territorio. Siamo realmente molto grati alla Fondazione Edoardo Garrone per aver scelto il territorio delle Valtiberina come luogo dove svolgere il campus 2017, in quanto iniziativa concreta e capace di stimolare ciò di cui abbiamo più bisogno: innovare attraverso l'imprenditoria giovanile per tornare a valorizzare un Appennino che oggi più che mai appare terra in cerca di vocazione – ha sostenuto Massimo Mercati, Presidente dell’Associazione Progetto Valtiberina - Luoghi pieni di risorse e potenzialità, che vengono invece abbandonati, mettendo a rischio non solo l'economia ma la stessa fruibilità delle nostre montagne: su questo si deve intervenire e questo è un modo concreto di farlo. Siamo inoltre certi che il Campus sarà anche un momento importante per approfondire le problematiche del territorio grazie al contributo di docenti e testimonial qualificati. Per questo metteremo tutto il nostro impegno per la buona riuscita dell'edizione ReStartApp 2017 in Valtiberina”. “I nostri ringraziamenti vanno, anche, a chi ha saputo riconoscere in questo progetto una occasione importante di sviluppo per la nostra Valle e per le giovani future generazioni – ha aggiunto Massimo Mercati - In particolare a Banca Intesa e Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo”.

“Da quando abbiamo avviato per la prima volta ReStartApp, nel 2014, è stata fatta molta strada: in tre anni 4 campus dall’Appennino alle Alpi hanno preparato in tutto 60 potenziali giovani imprenditori della montagna. Circa la metà di loro sta continuando a lavorare a tempo pieno sul proprio progetto e alcuni, nonostante le molte difficoltà burocratiche, sono finalmente a regime. Non si tratta mai solo di conseguire un fatturato ma di instaurare un rapporto proficuo e vivificante con il territorio di appartenenza in generale e con altre realtà produttive più in particolare. È un risultato importante, ma soprattutto uno stimolo ad andare avanti, con l’obiettivo di far diventare il nostro progetto un vero e proprio format, in grado di essere replicato su tutto il territorio nazionale e di dare impulso allo sviluppo di una nuova economia della montagna italiana – ha commentato Alessandro Garrone, Presidente della Fondazione Edoardo Garrone. – Con la realizzazione di ReStartApp nel cuore dell’Appennino toscano e l’ulteriore ampliamento della rete di partner grazie all’ingresso dell’Associazione Progetto Valtiberina, oggi mettiamo un altro tassello importante nel consolidamento del nostro modello di azione. Un intervento pragmatico e concreto, a favore delle giovani imprese e del rilancio sociale ed economico di un territorio che costituisce un immenso bacino di opportunità e che, oggi più che mai, ha bisogno di essere tutelato e non deve essere abbandonato”.

Per sostenere la nascita di nuove imprese in Appennino, i giovani partecipanti a ReStartApp saranno affiancati per 10 settimane da un team qualificato di docenti, esperti e professionisti, in un programma didattico ricco e articolato, che prevede 390 ore di formazione, tra laboratorio di creazione d’impresa, lezioni frontali, mentorship, esperienze e testimonianze, oltre ad un viaggio di studio in una località appenninica virtuosa.

Con l’obiettivo di favorire l’avvio dei tre migliori progetti sviluppati dai partecipanti, al termine del Campus la Fondazione Edoardo Garrone metterà inoltre a disposizione premi per un totale di 60mila euro.

Ulteriori incentivi sono previsti grazie al contributo dei partner. Ai progetti ritenuti particolarmente meritevoli sarà infine dedicato un servizio di consulenza gratuito post Campus per un anno, in settori centrali per l’avvio delle imprese, quali economia e finanza, strategia e organizzazione aziendale, fiscalità e tributi, fundraising, marketing e comunicazione.

Per iscriversi c’è tempo fino a venerdì 11 gennaio 2017.
Per informazioni: www.restartapp.it

Promosso e organizzato da Fondazione Edoardo Garrone e Associazione Progetto Valtiberina, ReStartApp vede la collaborazione di un network di partner istituzionali, accomunati dall’impegno per la riqualificazione del territorio montano: Fondazione Symbola, Università della Montagna, Associazione Italiana Alberghi Diffusi, Fondazione CIMA, UNCEM, Federbim e Federforeste. Il progetto è sostenuto da Banca Intesa, main sponsor con la collaborazione di Banca Anghiari e Stia Credito Cooperativo. E’ partner tecnico di ReStartApp Aboca S.p.A.

scelti per te

Il rapporto ci porta alla scoperta delle oltre 250 specie di alberi monumentali che popolano il Paese, che mostra inoltre una speciale relazione tra i piccoli comuni e i monumenti italiani, raccolti in un censimento in continua crescita grazie al lavoro del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste. Su un totale di 4.287 alberi monumentali individuati ad aprile 2024 sul territorio italiano, 2.107 si trovano nei piccoli comuni. Sono inoltre 1.548 i comuni italiani con almeno un albero monumentale, di questi 962 sono piccoli comuni. Guardando allo specifico delle regioni, il primato per numero totale di alberi monumentali spetta al Friuli-Venezia Giulia, con 454 monumenti verdi, di cui quasi la metà, 209, nei piccoli comuni.

Il 92% delle produzioni tipiche nazionali che si consumano soprattutto a Natale nasce nei comuni italiani con meno di cinquemila abitanti. È quanto emerge dallo studio Coldiretti/Symbola su “Piccoli comuni e tipicità”. Il rapporto vuole raccontare un patrimonio enogastronomico del Paese custodito fuori dai tradizionali circuiti turistici, valorizzato e promosso grazie alla legge n.158/17, a prima firma Realacci, con misure per la valorizzazione dei Piccoli Comuni. Nei territori dei 5.538 piccoli comuni con al massimo 5.000 abitanti, in cui vivono quasi 10 milioni di italiani, si produce infatti ben il 92 per cento dei prodotti di origine protetta (DOP, Denominazione di Origine Protetta e IGP, Indicazione di Origine Protetta) e il 79 per cento dei vini italiani più pregiati. Questo rapporto di Coldiretti-Fondazione Symbola “Piccoli Comuni e Tipicità” ci restituisce il quadro aggiornato per ogni regione di questa dimensione produttiva estesa e radicata che traduce in valore la diversità culturale.

nell’ambito del Festival della Soft Economy si discuterà di Green Communities. Le Green Communities, previste nella legge 221/2015 e ora finanziate dal PNRR con 135 milioni di euro, rappresentano un nuovo percorso nelle quali la montagna intende porsi al centro delle politiche per l’ambiente, l’uso sostenibile delle risorse naturali, il pagamento dei servizi ecosistemici, le nuove agricolture, le start-up e il turismo. Un nuovo strumento per la transizione ecologica che individua il valore dei territori rurali e di montagna che intendono utilizzare in modo equilibrato le risorse principali di cui dispongono, tra cui in primo luogo acqua, i boschi e il paesaggio, e aprire un nuovo rapporto sussidiario e di scambio con le comunità urbane e metropolitane, in modo da poter impostare, nella fase della green economy, un piano di sviluppo sostenibile.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti