Newsletter

Tiziano Ciampetti, 30 anni, imprenditore umbro del settore tessile, amministratore unico della Studio Roscini Srl, è il nuovo Presidente di CNA Federmoda della provincia di Perugia.
Lo ha eletto, ieri sera, l’Assemblea congressuale della federazione. Il giovane manager rimarrà in carica fino al 2009. Rinnovata inoltre la Presidenza composta di 6 membri, di cui fanno parte da oggi, oltre a Ciampetti: Maurizio Parapini (Esequel Srl), Christian Fioroni (Mac’s Srl), Giano Bassini (Ego Srl), Giuseppe Cuppoloni (G&G Snc), Giorgio Gobbi (Manifatture Valnerina) e Arianna Cini (Rita Confezioni). Completato anche l’iter per il rinnovo del Consiglio direttivo, composto da 80 membri.

Ciampetti riceve un testimone importante: “Una responsabilità che avverto e che ho accettato, nonostante gli impegni di lavoro, sapendo di poter contare su una nuova squadra, su un ampio consenso e disponibilità e, soprattutto, su un programma dettagliato che raccoglie le istanze di tutti gli associati”. Il neo Presidente sarà chiamato - con volonta' unanime espressa dall’assemblea congressuale - a gestire questa delicata fase di transizione del tessile con l'ambizioso obiettivo di realizzare il Programma di sostegno e rilancio del comparto che è stato discusso ed approvato in sede congressuale. “E’ mio impegno – ha dichiarato il neo eletto Presidente - creare un network o reti di imprese in grado di rappresentare un’area umbra avanzata per la moda. Altro fattore su cui puntiamo è la formazione, sia di base che manageriale, necessaria per progettare una strategia di crescita delle Pmi in accordo con il mondo della scuola e dell’Università. Ma la nostra azione politica non si fermerà qui. Punterà altresò sull’elaborazione di una chiara strategia di marketing e promozione territoriale delle aziende del comparto moda al fine di facilitare la costituzione di forme di aggregazione sottoforma di consorzi export che favoriscano i processi di internazionalizzazione delle Pmi. Aprire una nuova frontiera di relazioni industriali alla luce delle ultime riforme del mercato del lavoro sarà un altro punto sull’agenda politica della nostra Federazione. Infine, ma sicuramente non di secondaria importanza, sarà la richiesta di un maggior impegno del sistema bancario. Negli ultimi anni – ha ricordato Ciampetti - abbiamo assistito da parte degli istituti di credito a una chiusura e ad un contingentamento del credito nei confronti del settore tessile. Ora che i segnali di ripresa ci sono, si auspica che il mondo bancario corregga la politica creditizia nei confronti di questo comparto, rivedendo anche quei parametri che, a prescindere dal merito creditizio, in via pregiudiziale “declassano” già in partenza le imprese appartenenti all’industria della moda. Da qui riteniamo fondamentale il ruolo che potrà giocare il confidi della nostra associazione, Fidimpresa Umbria”. L’imperativo della nuova giunta di Cna Federmoda sarà perciù “valorizzare il comparto moda brandendo la bandiera del made in Italy. Come federazione – ha annunciato Mirco Tomassini responsabile Cna Federmoda – stiamo portando avanti una forte azione politica in sede internazionale a Bruxelles per far passare in seno alla UE la clausola del made in per l’introduzione dell’obbligatorietà dell’etichettatura e di tracciabilità dei prodotti, cercando di contrastare la contraffazione e il dumping che esercitano una concorrenza sleale sul mercato. Un’altra battaglia che stiamo facendo a livello nazionale è quella di far passare un disegno di legge sul “full made in Italy” (fermo in Parlamento da circa 2 anni) al fine di salvaguardare quindi la filiera produttiva italiana. Occorre riconoscere – ha concluso Tomassini - un “valore aggiunto” alla subfornitura italiana, sostenendo tutte le fasi di lavorazione mediante agevolazioni di carattere finanziario e fiscale, altrimenti si corre il rischio di compromettere seriamente la nostra credibilità rispetto ad alcuni attacchi fatti recentemente anche da alcuni media stranieri circa la veridicità delle nostre etichette italiane”.

Tiziano Cimapetti è nato a Montefalco il 15 novembre del 1977. Laureato in "Comunicazione Internazionale" presso l'Università per Stranieri di Perugia, ha svolto un corso in "Business Administration and Management" presso la Berkeley University di New York. Dal 2005 è amministratore unico della Studio Roscini Srl azienda operante nel settore dei servizi per l’industria dell’abbigliamento. La società ha ottenuto vari riconoscimenti fra cui il “Premio Ok Italia 2006” dal Gruppo Unicredit, il premio “Confindustria Award of Excellence” 2006, il premio “Nostra Eccellenza 2007” dell’Eurispes. Ciampetti è anche amministratore unico della Elephas Srl azienda operante nel settore trasporti.

Instagram
condividi su

scelti per te

Fondazione Symbola, Deloitte Private, POLI.design, ADI in collaborazione con Comieco, AlmaLaurea, CUID, con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del ministero delle Imprese e del Made in Italy hanno presentato oggi i risultati del report “Design Economy 2024”, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza del valore del design per la competitività del sistema produttivo nazionale. Hanno presentato il rapporto presso l’ADI Design Museum di Milano, Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Ernesto Lanzillo, Deloitte Private Leader Italia; Luciano Galimberti, presidente ADI; Cabirio Cautela, CEO POLI.design; Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola; Antonio Grillo, design director Tangity Design Studio - NTT Data; Maria Porro, presidente Salone del Mobile; Marco Maria Pedrazzo, designer manager; Susanna Sancassani, managing director METID - Politecnico di Milano; Francesco Zurlo, preside della Scuola del design Politecnico di Milano; Lorenzo Bono, responsabile Ricerca e sviluppo Comieco; Adolfo Urso, ministro delle Imprese e Made in Italy.

Il rapporto “Il valore dell'abitare. La sfida della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio italiano” promosso da CRESME, Fondazione Symbola, Assimpredil Ance e European Climate Foundation è stato presentato oggi da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Regina De Albertis, presidente Assimpredil Ance; Lorenzo Bellicini, direttore CRESME; Virginio Trivella, consigliere Delegato Efficienza energetica Assimpredil Ance; Piero Petrucco, vice presidente FIEC e vicepresidente Centro Studi ANCE; Fabio Stevanato, direttore Programma Italia European Climate Foundation; Marco Osnato, presidente Commissione Finanze; Patrizia Toia, vicepresidente ITRE commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberta Toffanin, consulente del Ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica.

Le Giornate FAI di Primavera sono un esempio bello ed efficace di quanto può fare la società civile organizzata per il nostro Paese. Il patrimonio storico-culturale italiano, la natura, la bellezza sono tratti importanti della nostra identità e sono fondamentali anche per la coesione delle comunità e per la forza e attrattività di larga parte della nostra economia.

L’Italia può dare un contributo importante contro la crisi climatica in tanti settori in cui è già protagonista, a partire dall’economia circolare. Siamo il Paese europeo con la più alta percentuale di riciclo sulla totalità dei rifiuti pari al 83,4% con una incidenza quasi il doppio rispetto alla media UE e ben superiore a tutti gli altri grandi paesi europei: risparmiamo così 23 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio all’anno e circa 63 milioni di tonnellate di CO₂ equivalenti.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti