Newsletter

Tre aziende che rientrano nella filiera della Green Economy Italiana hanno aderito alla Fondazione Symbola. Si tratta di Edimare (gruppo Edilana), Editerra (gruppo Edilatte) e del Polo Produttivo La Casa Verde CO2.0 coordinato da Daniela Ducato. La fondazione Symbola, presieduta dall’on. Ermete Realacci, da anni si occupa di promuovere idee, progetti e imprese che operano nel campo delle produzioni ecosostenibili, dell’innovazione e della qualità.

 
Edimare, fa parte del gruppo Edilana, è specializzata in pannelli industriali per moduli per tetti e sistemi termoisolanti con la più alta inerzia termica al mondo. I prodotti sono composti da lana di mare ottenuta dalle fibre di legno della posidonia spiaggiata (ascritta a rifiuto) unita alla pura lana vergine di pecora. 
 
Editerra, fa parte del gruppo Edilatte, produce intonaci, finiture e pitture, arredi a base di fibre di terra cruda termorinforzata con lana Edilana e fibre vegetali.
 
L’Associazione Nazionale La Casa verde CO2.0, invece, è un polo produttivo che raduna un gruppo di 73 produttori (42 con sede in Sardegna) specializzati in materiali edili sostenibili, come i pannelli termoisolanti Edilana con il più alto valore termico, ad alta densità in edilizia mai prodotti al mondo. Le produzioni sono 100% italiane, compresa la materia prima di cui sono fatte e la lavorazione e la trasformazione in prodotto finale è a km corto.
 
Per il segretario di Symbola, Fabio Renzi, “queste eccellenze produttive della Green economy Italiana dimostrano che puntando su qualità, ricerca e innovazione, le aziende italiane possono dare una forte spinta al superamento della crisi economica muovendosi in una prospettiva di sviluppo sostenibile”.
 
I prodotti di queste aziende, sottolinea Daniela Ducato, “non contengono derivati di origine fossile e non sono petrolchimicamente modificati, sono fatti di eccedenze di fonti rinnovabili  provenienti dalle sottolavorazioni delle filiere agro-alimentari, boschive e della pastorizia, che altrimenti diventerebbero rifiuti da smaltire”. “L'eccellenza tecnica e prestazionale di questi prodotti – prosegue – garantita dalla certificazione etica ambientale ANAB ICEA, dimostra che si può fare edilizia senza petrolio, senza alimentare guerre, senza inquinamento, senza land grabbing, senza materiali energivori, senza spreco di denaro pubblico. Auspichiamo che il nostro esempio possa produrre una riflessione nel settore dell'efficienza energetica fatta al 90% di materiali energivori”. 
 
Instagram
condividi su

scelti per te

Accelerare la transizione verde e sostituire i combustibili fossili oltre a contrastare la crisi climatica ci rende più liberi dalla dipendenza dal gas e petrolio di importazione. Dipendenza che stiamo pagando pesantemente a seguito della guerra scatenata dall’invasione dell’Ucraina. Esiste già oggi un’Italia che affronta la sfida alla crisi climatica. Secondo il rapporto GreenItaly di Fondazione Symbola e Unioncamere circa un terzo delle imprese (510 mila) negli ultimi cinque anni hanno investito sul green in Italia innovano di più, esportano di più, producono più posti di lavoro: 3,2 milioni di greenjobs.

Fondazione Symbola, Deloitte Private, POLI.design, ADI in collaborazione con Comieco, AlmaLaurea, CUID, con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del ministero delle Imprese e del Made in Italy hanno presentato oggi i risultati del report “Design Economy 2024”, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza del valore del design per la competitività del sistema produttivo nazionale. Hanno presentato il rapporto presso l’ADI Design Museum di Milano, Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Ernesto Lanzillo, Deloitte Private Leader Italia; Luciano Galimberti, presidente ADI; Cabirio Cautela, CEO POLI.design; Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola; Antonio Grillo, design director Tangity Design Studio - NTT Data; Maria Porro, presidente Salone del Mobile; Marco Maria Pedrazzo, designer manager; Susanna Sancassani, managing director METID - Politecnico di Milano; Francesco Zurlo, preside della Scuola del design Politecnico di Milano; Lorenzo Bono, responsabile Ricerca e sviluppo Comieco; Adolfo Urso, ministro delle Imprese e Made in Italy.

Il rapporto “Il valore dell'abitare. La sfida della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio italiano” promosso da CRESME, Fondazione Symbola, Assimpredil Ance e European Climate Foundation è stato presentato oggi da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Regina De Albertis, presidente Assimpredil Ance; Lorenzo Bellicini, direttore CRESME; Virginio Trivella, consigliere Delegato Efficienza energetica Assimpredil Ance; Piero Petrucco, vice presidente FIEC e vicepresidente Centro Studi ANCE; Fabio Stevanato, direttore Programma Italia European Climate Foundation; Marco Osnato, presidente Commissione Finanze; Patrizia Toia, vicepresidente ITRE commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberta Toffanin, consulente del Ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica.

Le Giornate FAI di Primavera sono un esempio bello ed efficace di quanto può fare la società civile organizzata per il nostro Paese. Il patrimonio storico-culturale italiano, la natura, la bellezza sono tratti importanti della nostra identità e sono fondamentali anche per la coesione delle comunità e per la forza e attrattività di larga parte della nostra economia.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti