Newsletter

OLIO, REALACCI: “DA MIPAAF RISPOSTA POSITIVA A INTERROGAZIONE SU TUTELA OLIO MADE IN ITALY. AUSPICHIAMO IMPEGNO COERENTE DA ISTITUZIONI”

“Positiva la risposta del ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali all’interrogazione sulla tutela dell’olio extravergine di oliva italiano da frodi, sofisticazioni e con concorrenza sleale da me presentata, insieme ai deputati Ermini, Parrini, Dallai, Gelli, Cenni, Donati e Taricco. Ci auguriamo che questa presa di posizione impegni il ministro Catania a garantire con coerenza la valorizzazione e la tutela di un prodotto di punta del made in Italy agroalimentare come l’olio. La risposta del ministro arriva, per altro, proprio mentre in Italia sono in corso due importanti iniziative per la promozione dei nostri prodotti come il Vinitaly e il Salone Internazionale del Mobile di Milano, che indicano nella ricerca della qualità e dell’innovazione, nel legame con i territori e nell’attenzione all’ambiente la via giusta per rilanciare il made in Italy e il sistema Paese. È questa la strada vincente che, nell’agroalimentare, viene indicata anche dalla legge 14 gennaio 2013 n.9 recante Norme sulla qualità e la trasparenza della filiera degli oli di oliva vergini. Un testo normativo fortemente voluto anche dalla Coldiretti, da sempre impegnata per la tutela delle produzioni agroalimentari italiane di qualità”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile green economy del Pd, commentando la risposta scritta del ministro Catania all’interrogazione sulla tutela dell’olio italiano.
“Per tutelare un settore tanto importante del nostro made in Italy e per tutelare i consumatori – prosegue Realacci - il ministro Catania ha assicurato ai deputati interroganti sulla piena operatività di un efficiente sistema di controlli nel settore della produzione e del commercio degli oli di oliva vergini, attivato da tempo dall’ICQRF. Importante anche il fatto che il MIPAAF stia predisponendo una nota da inviare alla Commissione europea in merito alle violazioni delle procedure d’informazione del settore segnalate dalla Commissione stessa all’Italia rispetto alla suddetta legge 14 gennaio 2013 n.9 – che prevede venga indicata l'origine e la classificazione degli oli di oliva vergini, introduce norme sulla trasparenza di tutta la filiera e sulla tutela del consumatore, sul funzionamento del mercato e della concorrenza e sul contrasto alle frodi”.
“Accogliamo con favore – conclude Ermete Realacci - l’intenzione manifestata dal Ministro di dar seguito al percorso già avviato in sede europea per una revisione del quadro comunitario di riferimento in modo da assicurare la tutela dell’identità e della qualità dei prodotti agroalimentari nazionali e, nello specifico, degli oli di oliva vergini. In linea con questo quadro, siamo certi che il ministro si impegnerà anche sul fronte di una modifica della normativa comunitaria che definisce le caratteristiche fisiche e chimiche degli oli d'oliva, laddove fissa limiti per la presenza di alchil esteri negli olii extravergini troppo elevati che rischiano di incentivare la messa in commercio di oli di scarsa qualità, spesso miscelati ad oli di migliore fattura. Ci auguriamo e vigileremo, infine, affinché gli atti del ministro, degli altri dicasteri coinvolti e delle istituzioni italiane siano coerenti con la difesa della qualità e del made in Italy".
 

Ufficio stampa Fondazione Symbola

Risposta Min. Catania - Interrogazione su Olio
Risposta Min. Catania - Interrogazione su Olio

scelti per te

Il 93% delle produzioni tipiche nazionali che si consumano nasce nei comuni italiani con meno di cinquemila abitanti, un patrimonio di gusto e biodiversità che fa da traino anche al turismo, con 2 italiani su 3 (65%) tra coloro che andranno in vacanza che visiteranno un borgo nell’estate 2024, secondo Ixe’. È quanto emerge dallo studio Coldiretti/Symbola su “Piccoli comuni e tipicità”. Il rapporto vuole raccontare un patrimonio enogastronomico del Paese custodito fuori dai tradizionali circuiti turistici, valorizzato e promosso grazie alla legge n.158/17, a prima firma Realacci, con misure per la valorizzazione dei Piccoli Comuni.

Il rapporto analizza e racconta i fattori più significativi della competitività del nostro Paese, con particolare attenzione verso gli aspetti che non vengono colti dagli indicatori economici più diffusi, sottolineando l’importanza della collaborazione per le imprese. La coesione migliora il legame e il radicamento nelle comunità e nei territori, accresce il senso di appartenenza e soddisfazione di vita dei dipendenti, il coinvolgimento e il dialogo con i clienti.

“Acqua futura” è il titolo dell’appuntamento promosso in collaborazione con Gruppo Tea all’interno del Seminario di Mantova di Fondazione Symbola e durante il quale è stato conferito un riconoscimento all’impegno civile sull’acqua alla Cooperativa C.A.B.Ter.Ra per essersi offerta, durante l’alluvione in Romagna nel 2023, di far allagare centinaia di ettari dei suoi terreni per salvare Ravenna, la sua comunità, i suoi mosaici. Uno straordinario esempio di solidarietà e senso civico, di impegno e sacrificio per il bene del proprio territorio, martoriato da una calamità naturale. All’interno del dibattito, al quale hanno partecipato i “Nobel” dell’Italia Riccardo Valentini, Past – President SISC e Andrea Rinaldo, Ordinario di Costruzioni idrauliche all’Università di Padova, si è evidenziato che l’acqua è una risorsa limitata e a questo si aggiungono gli effetti della crisi climatica, che agiscono direttamente sul ciclo idrologico e sulla disponibilità di risorsa idrica.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti