Newsletter

Da sempre terra di produzione e di saperi, l'Appennino rappresenta una parte importante del tessuto produttivo nazionale: dalle imprese appenniniche viene prodotto il 13% del valore aggiunto nazionale, 193,4 miliardi di euro. L'Atlante socioeconomico dell'Appennino 2022 e il focus dedicato all'Oltrepò pavese è stato presentato oggi, presso la Fondazione Cariplo. L'evoluzione del profilo socio-economico dell'Appennino è il tratto generale che è stato portato in evidenza con questa nuova edizione 'tematica' dell'Atlante. Una evoluzione che propone una forte caratterizzazione, in qualche misura inattesa, rappresentata innanzitutto da una fragilità demografica (e sociale) maggiore della fragilità economica. Questo tratto di maggiore fragilità demografica è presente in diversa misura in tutte le quattro grandi partizioni geografiche 'longitudinali' (Appennino Settentrionale, Appennino Centrale, Appennino Meridionale, Appennino Calabro-Siculo) nelle quali la catena appenninica è stata considerata dall'Atlante, ma connota in misura particolarmente evidente e marcata la porzione settentrionale dell'Appenino.

"Nel grande mosaico di un'economia a misura d'uomo, come recita il Manifesto di Assisi, necessaria per contrastare le sfide che abbiamo davanti come la pandemia, la crisi climatica e la drammatica crisi prodotta dall'invasione dell'Ucraina - dichiara Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola - le realtà dell'Appennino e in particolare dell'Oltrepò pavese presentate in questo rapporto confermano il contributo decisivo che può venire dai territori e dalle comunità. C'è un'Italia che sfida le crisi, compete e si afferma senza perdere la propria anima. I piccoli comuni sono parte importante della nostra identità. Mi sono battuto per avere una legge sui piccoli comuni e ora c'è ma è ancora largamente inapplicata. Un comune è il suo campanile, la sua comunità, i suoi servizi. Servono scuole, un nuovo modello di sanità, uffici postali, piccoli esercizi commerciali, banda larga anche per attrarre i giovani e creare nuove imprese: un'economia più forte proprio perché più a misura d'uomo. Un'Italia che fa l'Italia e si muove entro le chiavi proposte dal Next Generation Eu per affrontare la crisi e rilanciare l'economia: coesione, transizione verde e digitale".

Fonte: Adnkronos

Instagram
condividi su

scelti per te

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti