Newsletter

Il conto delle case green è molto più salato di quello del superbonus. Lo certifica il report “Il Valore dell’abitare di Cresme e Symbola, promosso da Assimpredil Ance di Milano con European Climate Foundation, i cui dati sono anticipati dal Sole 24 Ore. Dunque, per rendere green 3,2 milioni di case col taglio entro il 2030 del 16% dei consumi energetici, come prevede la direttiva europea approvata di recente, servono 320 miliardi di euro circa o, tenendo conto di un calcolo più benevolo, 285 miliardi di euro. «Il tema degli incentivi continuerà a essere centrale. Non sarà possibile farne a meno ma certo l’approccio dovrà essere più rigoroso di quello utilizzato dal superbonus», è scritto nel rapporto.

Inoltre, suggerisce di «introdurre nel mercato incentivi più circoscritti, non fuori scala, con tempi più lunghi e soprattutto con effetti misurabili in termini di performance». Dalle stime di CresmeSymbola emerge che «un buon intervento di efficientamento energetico, fatto bene, con tutti i crismi, può abbattere la bolletta energetica del 40 per cento». Il rapporto considera due sistemi di calcolo sulla riqualificazione energetica delle case italiane. Il primo tiene conto dei dati Enea sul superbonus al 31 ottobre 2023.

Pertanto, applicando il taglio del 15% corrispondente alla nuova classe G (superata dalla nuova direttiva, ma di fatto identifica negli effetti di calcolo), il Cresme ha considerato «uno stock edilizio residenziale formato da 32.302.242 abitazioni in 12.539.173 edifici». Le case più energivore sono 3.215.242 unità di cui 578.345 abitazioni in case unifamiliari e 2.636.897 abitazioni in condominio. Per stimare l’entità delle risorse necessarie per le riqualificazioni energetiche in base alla direttiva case green, sono stati usati invece i dati del super ecobonus. Applicando l’importo medio dell’intervento condotto nell’ambito del superbonus su un edificio monofamiliare (114.217 euro) ai ai 578.345 edifici monofamiliari con le peggiori performance energetiche, emerge che il valore dell’investimento sulle case più energivore è di 66 miliardi.

scelti per te

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti