Newsletter

Il Manifesto di Assisi aderisce con convinzione alla giornata di digiuno per la pace del 2 marzo promossa da Papa Francesco contro la guerra in Ucraina

“La guerra rappresenta una terribile minaccia per le persone, le comunità, l’ambiente. Può compromettere il percorso per un’economia e una società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro. È importante che l’Europa sia unita nella fedeltà ai suoi ideali e alla sua missione per un mondo più sicuro, civile, gentile”.

Lo hanno dichiarato Padre Enzo Fortunato ed Ermete Realacci, portavoci del Manifesto di Assisi. Il Manifesto è stato promosso anche da Vincenzo Boccia Presidente LUISS; Ettore Prandini Presidente Coldiretti; Francesco Starace Amministratore delegato Gruppo Enel; Catia Bastioli Amministratore delegato Novamont; Mauro Gambetti Cardinale, ed ha ricevuto fino ad oggi oltre 4000 adesioni del mondo economico, politico, sociale, culturale e dei cittadini.

 

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti