Newsletter

Il pastificio Benagiano approda a Symbola, la Fondazione per le qualità italiane. Il pastificio è a Santeramo in Colle, provincia di Bari: è qui che nel 1870 il bisnonno Francesco fonda un laboratorio per produrre piccole quantità di orecchiette e cavatelli, tipici del luogo. Da allora, la filosofia dell’azienda è rimasta la stessa: innovare con i piedi saldi nella tradizione della buona tavola di un tempo. La pasta Benagiano viene fatta solo con trafile in bronzo - che rendono la superficie della pasta ruvida e porosa e poi essiccata lentamente in ambienti non condizionati a ricambio naturale di aria. Il resto lo fanno l’alta qualità delle materie prime, l’attenzione ai dettagli, e una “rete” di fornitori e collaboratori, studi del mercato.

“Con il pastificio Benagiano siamo di fronte ad un talento della tradizione che pu far parte a pieno titolo del nuovo Made in Italy- commenta Fabio Renzi, Segretario generale di Symbola- l’azienda pugliese ha radici forti nel territorio e nella tradizione ma, nello stesso tempo, ha la capacità di affrontare le sfide dell’innovazione, attraverso la tecnologia e la passione per la qualità.
Questi sono elementi che fanno del pastificio un protagonista della soft-economy, che si basa sull’uso delle nuove tecnologie, ma anche sulla forza delle idee, sulla responsabilità e sul rispetto dei luoghi, dei territori e dei saperi”
Tra i soggetti già sostengono la Fondazione troviamo: Alessandro Profumo - Unicredit, presidente del Forum delle imprese, Domenico De Masi – sociologo, presidente del Comitato Scientifico poi tra i promotori: Carlo de Benedetti- Presidente Cir Group, Diego Della Valle- Presidente Tod’s, Alberto Piantoni-Amministratore delegato Bialetti - Annamaria Artoni- Presidente ConfindustriaEmilia Romagna, Franco Pasquali- Coldiretti, Carlo Puri Negri - e tanti altri che credono nell’Italia di qualità.
“Il risultato della nostra passione per la qualità – afferma Giuseppe Benagiano, amministratore unico del pastificio- è una pasta “unica” e irripetibile, frutto di quelle “conoscenze contestuali”, implicite e non formalizzate, che non possono essere riprodotte altrove e che costituiscono la base del vantaggio competitivo di molte piccole e medie aziende italiane. Nel caso del pastificio Benagiano a fare la differenza è quel patrimonio di saperi e capacità riguardanti il prodotto, le materie prime, le fasi di lavorazione, gli impianti e i processi che si sono sedimentati nel corso del tempo e che garantiscono l’altissima qualità del prodotto.

Instagram
condividi su
Il pastificio Benagiano arriva a Symbola
Il pastificio Benagiano arriva a Symbola

scelti per te

Fondazione Symbola, Deloitte Private, POLI.design, ADI in collaborazione con Comieco, AlmaLaurea, CUID, con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del ministero delle Imprese e del Made in Italy hanno presentato oggi i risultati del report “Design Economy 2024”, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza del valore del design per la competitività del sistema produttivo nazionale. Hanno presentato il rapporto presso l’ADI Design Museum di Milano, Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Ernesto Lanzillo, Deloitte Private Leader Italia; Luciano Galimberti, presidente ADI; Cabirio Cautela, CEO POLI.design; Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola; Antonio Grillo, design director Tangity Design Studio - NTT Data; Maria Porro, presidente Salone del Mobile; Marco Maria Pedrazzo, designer manager; Susanna Sancassani, managing director METID - Politecnico di Milano; Francesco Zurlo, preside della Scuola del design Politecnico di Milano; Lorenzo Bono, responsabile Ricerca e sviluppo Comieco; Adolfo Urso, ministro delle Imprese e Made in Italy.

Il rapporto “Il valore dell'abitare. La sfida della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio italiano” promosso da CRESME, Fondazione Symbola, Assimpredil Ance e European Climate Foundation è stato presentato oggi da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Regina De Albertis, presidente Assimpredil Ance; Lorenzo Bellicini, direttore CRESME; Virginio Trivella, consigliere Delegato Efficienza energetica Assimpredil Ance; Piero Petrucco, vice presidente FIEC e vicepresidente Centro Studi ANCE; Fabio Stevanato, direttore Programma Italia European Climate Foundation; Marco Osnato, presidente Commissione Finanze; Patrizia Toia, vicepresidente ITRE commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberta Toffanin, consulente del Ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica.

Le Giornate FAI di Primavera sono un esempio bello ed efficace di quanto può fare la società civile organizzata per il nostro Paese. Il patrimonio storico-culturale italiano, la natura, la bellezza sono tratti importanti della nostra identità e sono fondamentali anche per la coesione delle comunità e per la forza e attrattività di larga parte della nostra economia.

L’Italia può dare un contributo importante contro la crisi climatica in tanti settori in cui è già protagonista, a partire dall’economia circolare. Siamo il Paese europeo con la più alta percentuale di riciclo sulla totalità dei rifiuti pari al 83,4% con una incidenza quasi il doppio rispetto alla media UE e ben superiore a tutti gli altri grandi paesi europei: risparmiamo così 23 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio all’anno e circa 63 milioni di tonnellate di CO₂ equivalenti.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti