Newsletter

Una guida multimediale che funziona anche senza internet: testi, audio, immagini, video e contenuti AR/VR vengono inviati ai dispositivi dei visitatori dai micro-server Post Internet Era: questa tecnologia brevettata permette anche di riprodurre doppiaggi simultanei multilingua dei contenuti multimediali lungo i percorsi di visita e la gestione interattiva di tutte le tecnologie di sala. Nata a Bologna dall’intuizione di sei giovani soci, iThalìa ha riscritto le regole della fruizione degli spazi culturali dando vita all’app universale MuseOn. Questa, unitamente alla tecnologia Post Internet Era, costituisce una piattaforma economica e facilmente scalabile, con elevate prestazioni di affidabilità, velocità e sicurezza, sia per i dati personali degli utenti che per il diritto d’autore. Limitare il ricorso a internet, in più, permette di ridurre sino al 95% le emissioni di CO2, garantendo ai progetti d’innovazione digitale per la cultura il pieno rispetto del principio DNSH alla base del PNRR.
Queste caratteristiche consentono di facilitare e incoraggiare l’uso prolungato dell’applicazione, che oggi con oltre 465.000 utenti vanta il primato di app di accompagnamento alla visita più scaricata d’Europa ed è stata scelta da oltre 45 siti culturali italiani (tra cui la Venaria Reale di Torino, Gallerie d’Italia e Bologna Musei). Una community pensata per mettere a valore i migliori contenuti di critica e di produzione digitale e per accogliere gratuitamente nella sua vetrina i piccoli siti culturali che costituiscono l’ossatura del patrimonio nazionale italiano.

Instagram
condividi su

scelti per te

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti