Newsletter

Next Appennino: dall’Italia centrale una dimostrazione di capacità e di qualità per vincere la sfida del PNRR

 

L’approvazione delle prime graduatorie dei bandi della linea B di Next Appennino che sbloccano risorse per 277 milioni di euro per 1.280 progetti, insieme all’avvio dei cantieri dei progetti di rigenerazione urbana per circa un miliardo di euro della linea A, confermano che la “messa a terra” dei fondi del piano complementare sisma del PNRR è possibile. Si tratta di una notizia che ci racconta di una parte d’Italia, quella dei crateri dei terremoti 2009 e 2016 che, in controtendenza con quanto sta avvenendo sul PNRR a livello nazionale, dimostra di possedere capacità amministrative e imprenditoriali coerenti con le esigenze di innovazione tecnologica e transizione ecologica richiesti dal PNRR. Quando a breve saranno completate tutte le graduatorie, insieme agli altri investimenti già definiti, nei comuni dei due crateri 2009-2016 si realizzeranno investimenti per 1 miliardo e 780 milioni di euro, una cifra che rapportata alla realtà economica e sociale interessata, dimostra la straordinaria capacità progettuale, gestionale e amministrativa di questi territori. Secondo Fabio Renzi, Segretario generale della Fondazione Symbola “L’approvazione delle graduatorie dei bandi di Next Appennino avviene nel momento in cui nei comuni delle aree dell’Italia centrale colpite dai sismi del 2009-2016 si stanno avviando i cantieri degli 840 progetti di rigenerazione urbana. Il programma Next Appennino per il rilancio economico e sociale finanziato del Fondo Complementare al PNRR per le aree dei due crateri con una dotazione complessiva di 1 miliardo e 780 milioni di euro ha iniziato a dare i primi evidenti e concreti segnali sul territorio. Un primo risultato importante per il futuro dell’Appennino centrale impegnato a misurarsi con l’urgenza e la necessità di una rigenerazione territoriale capace di dare senso e orizzonte economico, sociale e culturale alla ricostruzione. Proprio per restituire la portata di questa sfida Fondazione Symbola nel promuovere Next Appennino ha scelto tre parole chiave “Ricostruire, Rigenerare, Neopopolare”. L’approvazione delle graduatorie dei bandi di Next Appennino avvenuta oggi è un’ottima notizia. Merito del Commissario Legnini prima, per aver impostato, e ora del Commissario Castelli per aver condotto la valutazione e il finanziamento dei primi 1.280 progetti di Next Appennino, anche grazie al lavoro della struttura Commissariale, di Invitalia e Unioncamere. Quello di oggi è un risultato importante che ci dice che la sfida del PNRR può essere vinta a partire dai territori, anche di quelli economicamente e socialmente più fragili”.

SCARICA L’ARTICOLO IN PDF
Next Appennino: dall’Italia centrale una dimostrazione di capacità e di qualità per vincere la sfida del PNRR

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti