Newsletter

"Inizia bene il 2019 per l'impegno ambientale dell'Italia contro il marine litter. Grazie ad un mio emendamento inserito nella legge di bilancio per il 2018 e approvato all'unanimità l'Italia sarà il primo paese al mondo a vietare dal 1° gennaio 2018 i bastonicini igienici non biodegradabili". Ha dichiarato Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola e presidente onorario di Legambiente.

REALACCI: DAL 1 GENNAIO 2019 L'ITALIA È IL PRIMO PAESE AL MONDO AD ELIMINARE I BASTONCINI IGIENICI NON-BIODEGRADABILI.

DAL PRIMO GENNAIO 2020 SAREMO I PRIMI A ELIMINARE LE MICROPLASTICHE NEI COSMETICI. DUE ATTI CONCRETI CONTRO MARINE LITTER E PER UNA NUOVA ECONOMIA

 

"Inizia bene il 2019 per l'impegno ambientale dell'Italia contro il marine litter. Grazie ad un mio emendamento inserito nella legge di bilancio per il 2018 e approvato all'unanimità l'Italia sarà il primo paese al mondo a vietare dal 1° gennaio 2018 i bastonicini igienici non biodegradabili". Ha dichiarato Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola e presidente onorario di Legambiente.
"Dal 1° gennaio 2020 saremo invece i primi a vietare le microplastiche nei cosmetici". "Un risultato che è stato possibile anche grazie alla crescente sensibilità dei cittadini e all'azione delle associazioni ambientaliste, a cominciare da Marevivo e Legambiente.
I cosidetti "cotton-fioc" rappresentano, secondo i dati raccolti presentati da Legambiente nel 2018 ad ogni passo sulla spiaggia ci sono almeno 4 rifiuti e nell'80% dei casi si tratta di plastica e ad aggravare la situazione si aggiungono le micro-plastiche uno dei problemi più micidiali del marine litter. Il direttore dell'UNEP ha a suo tempo saluto il provvedimento come "Fantastiche notizie dall’Italia. Il Paese bandirà i cotton fioc non biodegradabili dal 2019! Il messaggio è chiaro: se non sono assolutamente essenziali, smetti di produrli!".
Si tratta di scelte concrete e importanti per l'ambiente ma anche di occasioni per costruire un'economia più forte e competitiva proprio perché più a misura d'uomo.
L'Italia è già oggi leader mondiale nella cosmetica e nel nostro Paese si produce il 55% del make-up del mondo. "Sono certo - conclude Realacci - che le nostre imprese, come è accaduto in altri settori, usciranno rafforzate dalla piena assunzione della frontiera ambientale". Anche perché l'Italia ha su queste frontiere alcune delle imprese più avanzate del mondo, ma anche alcuni dei politici più arretrati d'Europa".

Instagram
condividi su

scelti per te

Il rapporto “Il valore dell'abitare. La sfida della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio italiano” promosso da CRESME, Fondazione Symbola, Assimpredil Ance e European Climate Foundation è stato presentato oggi da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Regina De Albertis, presidente Assimpredil Ance; Lorenzo Bellicini, direttore CRESME; Virginio Trivella, consigliere Delegato Efficienza energetica Assimpredil Ance; Piero Petrucco, vice presidente FIEC e vicepresidente Centro Studi ANCE; Fabio Stevanato, direttore Programma Italia European Climate Foundation; Marco Osnato, presidente Commissione Finanze; Patrizia Toia, vicepresidente ITRE commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberta Toffanin, consulente del Ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica.

L’Italia può dare un contributo importante contro la crisi climatica in tanti settori in cui è già protagonista, a partire dall’economia circolare. Siamo il Paese europeo con la più alta percentuale di riciclo sulla totalità dei rifiuti pari al 83,4% con una incidenza quasi il doppio rispetto alla media UE e ben superiore a tutti gli altri grandi paesi europei: risparmiamo così 23 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio all’anno e circa 63 milioni di tonnellate di CO₂ equivalenti.

Il rapporto “I Talenti della Lombardia” promosso da Fondazione Symbola e da PoliS – Lombardia è stato presentato oggi presso la Sala Consiliare della Camera di Commercio di Brescia da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Roberto Saccone, presidente della Camera di Commercio di Brescia; Raffaello Vignali, direttore scientifico PoliS – Lombardia; Domenico Sturabotti, direttore Fondazione Symbola. I lavori sono stati conclusi da Guido Guidesi, Assessore allo Sviluppo Economico Regione Lombardia. Ha moderato la conferenza stampa Elena Verdolini, professore ordinario di Economia Politica UNIBS.

È stato presentato oggi, alla fiera di Rimini, in occasione di KEY – The Energy Transition Expo, l’evento di IEG (Italian Exhibition Group) sulla transizione energetica, il rapporto Filiere del Futuro. Geografia produttiva delle rinnovabili in Italia, promosso e realizzato da Fondazione Symbola e Italian Exhibition Group, in collaborazione con le principali associazioni di categoria del comparto. Il rapporto ricostruisce le caratteristiche, la distribuzione territoriale e settoriale delle imprese della filiera delle energie rinnovabili ed è stato anticipato, in parte, in una rubrica sul sito www.symbola.net che raccoglie 10 punti di vista di personalità appartenenti al mondo dell’impresa, dell’economia e della ricerca come Francesco Starace, chairman SEforALL chairman SBTi; Agostino Re Rebaudengo, presidente Elettricità Futura; Edoardo Garrone, presidente ERG; Giuseppe Argirò, Amministratore delegato di Cva; Nicola Armaroli, dirigente di ricerca CNR; Silvia Bodoardo, professoressa del Politecnico di Torino; Ernesto Ciorra, Dream Builder; Giorgio Graditi, direttore Generale ENEA; Carlo Ratti, architetto e professore MIT; Giovanni Battista Zorzoli, esperto di energia.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti