Newsletter

SALONE MOBILE 2013, REALACCI: “LA POLITICA DEVE SOSTENERE IL MADE IN ITALY NEL MONDO”

“Gli oltre 2.500 gli espositori che da oggi al 14 aprile partecipano alla 52/a edizione del Salone Internazionale del Mobile di Milano, che promette di sfondare la quota 300 mila visitatori da oltre 160 Paesi, dimostrano, nonostante la difficoltà del momento, la vitalità del tessuto imprenditoriale italiano. Questo perché nella crisi molti protagonisti del settore del legno-arredo hanno saputo reagire puntando su ricerca, innovazione e qualità, spostandosi verso prodotti a più alto valore aggiunto e verso i mercati globali”, così Ermete Realacci, responsabile green economy del Pd, nel giorno di apertura del Salone del Mobile di Milano.
“Il legno arredo made in Italy - prosegue Realacci - è un settore fatto da medie e piccole imprese, dove il crollo della domanda interna spinge i nostri operatori a puntare sull’export soddisfacendo la domanda di Italia che c'è nel mondo. Non a caso dal 2007 al 2012 la percentuale di export sul fatturato del comparto è passata dal 46,2% al 57% e quest’anno dovrebbe superare il 62%. Vendere all’estero è dunque la strada vincente per sfidare la crisi e rilanciare il made in Italy. Ma per affermarsi su mercati sempre più lontani e globalizzati il settore del mobile deve scommettere su un’economia legata alla qualità e che trova i suoi punti di forza nei valori dell’ambiente, della coesione sociale, dell’innovazione, dell’eco-efficienza, nell’interpretazione tutta italiana della green economy”.
“Sono le imprese che puntano su questi valori – conclude Realacci - a vincere la sfida della competizione internazionale. Come del resto dimostrano anche numeri e tendenze del salone Vinitaly, in corso a Verona. Ma di fronte alle difficoltà del mercato interno e alle caparbia vitalità del tessuto imprenditoriale italiano anche la politica deve fare la sua parte, deve essere più attenta e deve sostenere le nostre imprese, aiutarle ad affacciarsi e ad affermarsi sui mercati emergenti”.

Ufficio stampa Fondazione Symbola

Instagram
condividi su

scelti per te

Fondazione Symbola, Deloitte Private, POLI.design, ADI in collaborazione con Comieco, AlmaLaurea, CUID, con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del ministero delle Imprese e del Made in Italy hanno presentato oggi i risultati del report “Design Economy 2024”, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza del valore del design per la competitività del sistema produttivo nazionale. Hanno presentato il rapporto presso l’ADI Design Museum di Milano, Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Ernesto Lanzillo, Deloitte Private Leader Italia; Luciano Galimberti, presidente ADI; Cabirio Cautela, CEO POLI.design; Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola; Antonio Grillo, design director Tangity Design Studio - NTT Data; Maria Porro, presidente Salone del Mobile; Marco Maria Pedrazzo, designer manager; Susanna Sancassani, managing director METID - Politecnico di Milano; Francesco Zurlo, preside della Scuola del design Politecnico di Milano; Lorenzo Bono, responsabile Ricerca e sviluppo Comieco; Adolfo Urso, ministro delle Imprese e Made in Italy.

Il rapporto “Il valore dell'abitare. La sfida della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio italiano” promosso da CRESME, Fondazione Symbola, Assimpredil Ance e European Climate Foundation è stato presentato oggi da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola; Regina De Albertis, presidente Assimpredil Ance; Lorenzo Bellicini, direttore CRESME; Virginio Trivella, consigliere Delegato Efficienza energetica Assimpredil Ance; Piero Petrucco, vice presidente FIEC e vicepresidente Centro Studi ANCE; Fabio Stevanato, direttore Programma Italia European Climate Foundation; Marco Osnato, presidente Commissione Finanze; Patrizia Toia, vicepresidente ITRE commissione per l’industria, la ricerca e l’energia; Roberta Toffanin, consulente del Ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica.

Le Giornate FAI di Primavera sono un esempio bello ed efficace di quanto può fare la società civile organizzata per il nostro Paese. Il patrimonio storico-culturale italiano, la natura, la bellezza sono tratti importanti della nostra identità e sono fondamentali anche per la coesione delle comunità e per la forza e attrattività di larga parte della nostra economia.

L’Italia può dare un contributo importante contro la crisi climatica in tanti settori in cui è già protagonista, a partire dall’economia circolare. Siamo il Paese europeo con la più alta percentuale di riciclo sulla totalità dei rifiuti pari al 83,4% con una incidenza quasi il doppio rispetto alla media UE e ben superiore a tutti gli altri grandi paesi europei: risparmiamo così 23 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio all’anno e circa 63 milioni di tonnellate di CO₂ equivalenti.

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti