Newsletter

Storie di donne, d’arte e di cultura
Il lavoro non tutelato di chi tutela

L’Italia, in quanto a patrimonio conservato, vive una costante dicotomia. Da una parte vi è l’orgoglio per una meravigliosa quanto massiccia presenza di beni artistici, dall’altra si registra un investimento drammaticamente scarso nel settore in termini di risorse, incentivi, programmazione. Semplificando si potrebbe dire che la “bellezza” non è considerata cosa seria, un’opera, cioè, che necessiti di attenzione e regole ben precise.Il seminario Storie di donne, d’arte e di cultura Il lavoro non tutelato di chi tutela, proprio a chiusura di un ciclo di incontri per celebrare 150 di lavoro femminile in Italia promossi dalla Biblioteca di Archeologia e Storia dell’Arte e dalle Associazioni ‘Amici delle Biblioteche’ e ‘Vento di Tramontana’, vuole porre l’attenzione, in collaborazione con la Fillea CGIL, Legambiente ed il Coordinamento ‘Donne in Bilico per la Cultura’, sulle molteplici professionalità coinvolte nel settore dei beni culturali oltre a sottolineare che nella stragrande maggioranza dei casi, tali professionalità,
riguardano donne. Il lavoro delle donne, infatti, costantemente in equilibrio tra il fuori e il dentro le mura domestiche, offre un enorme contributo a conservazione, tutela, valorizzazione e produzione del patrimonio artistico-culturale d’Italia. Il dibattito, quindi, animato da restauratrici, archeologhe, archiviste, bibliotecarie, professioniste dei musei e guide turistiche, assieme a giornalisti, esperti, esponenti del mondo della cultura e dello spettacolo, punterà a far emergere le importanti potenzialità di questo settore e analizzerà la differenza di genere quale elemento determinante per una corretta gestione delle attività di tutela e valorizzazione dei beni culturali.

Apertura 9:30
Serena Damiani e Marco Tullio Dentale – ‘La naturale inferiorità mentale delle donne’

Saluti
Maria Concetta Petrollo, Direttrice della Biblioteca di Archeologia e Storia dell’arte
Francesca Boccini, Presidente dell’Associazione Vento di Tramontana
Modera: Marta Bonafoni, Direttrice Radio Popolare Roma

Introduzione
Serena Morello, Fillea CGIL

Interventi
Federica Di Napoli Rampolla, Restauratrice
Francesca Mariani, Restauratrice
Cristina Leotta e Federica Lamonaca, Archeologhe
Stefania Guzzo e Alessandra Traverso, Avaca, Bibliotecaria
Maria Nicoletta Trivisano, Archivista
Beatrice Cirulli, Storica dell’Arte
Francesca Dumich, Guida Turistica
Alessia Caratelli, Conservation Scientist

Intermezzo recitato: Italo Calvino “Un generale in Biblioteca”

Interventi
Donato Tamblè, Direttore Soprintendenza Archivistica Lazio
Simonetta Buttò, Direttrice della Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea
Giovanna Alberta Campitelli, Direttrice Ville e parchi storici, Sovraintendenza di Roma Capitale
Libero Rossi, Componente Consiglio Superiore Beni Culturali
Vanessa Pallucchi, Legambiente
Francesco Antonelli, Università degli Studi di Roma Tre
Claudio Meloni, FP CGIL Beni culturali
Marco Bottazzi, Commissione Consultiva Salute e Sicurezza
Antonella Nonnis, Fabbrica Cultura
Luciana Bruno, Coordinamento Donne in bilico per la cultura

Intermezzo recitato da “Il lessico dei beni Culturali”

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti