Newsletter

Il presidente Ermete Realacci
«Il mondo ci cerca ma noi dobbiamo imparare ad amarci»

Da uno dei tanti affacci sulla vallata di Belforte del Chienti, nell'entroterra marchigiano. «Ma come fate a tenere in ordine tutto questo paesaggio: immagino abbiate una ottima squadra di giardinieri». «Per la verità, ciò che vede è solo frutto della Natura: è così da secoli». Sembra un dialogo surreale, ma è accaduto davvero. Tra il numero delle macchine da caffè Simonelli Group e un distributore americano in visita all'azienda in provincia di Macerata. È un esempio per comprendere quanto noi italiani rischiamo di perdere quella capacità empatica nel riconoscere chi siamo davvero e che cosa siamo in grado di fare. In buona sostanza, ci stiamo americanizzando?

«Dovremmo iniziare ad alzare lo sguardo verso un Paese che non è poi così messo male», osserva Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola, il cui ultimo, quarto rapporto, scruta, indaga e scopre una «I.T.A.L.I.A» nella quale «Le Geografie del nuovo made in Italy» sorprendono positivamente.

Tra le settantacinque pagine - a cura anche di Fondazione Edison, Unioncamere e Intesa Sanpaolo - dedicate allo Stivale in forma di acronimo, e che viaggia dall'industria al turismo, dall'agroalimentare al vocalismo, e dall'innovazione all'arte e alla cultura, la verità è nelle percentuali da podio.

Instagram
condividi su
CONTINUA A LEGGERE
Dossier I.T.A.L.I.A. - Peppe Aquaro | Corriere della Sera

scelti per te

ricerche correlate

ISCRIZIONE

Devi accedere per poter salvare i contenuti