Newsletter

GREEN ECONOMY: FUORI DALLA NICCHIA!
Thinking table tra scuole, formazione, imprese, professionisti

 

RAPPORTO GREENITALY
6 febbraio 2015 [ore 15-18]
c/o Aula Magna del CUEA – Consorzio Universitario di Economia Aziendale,
Via Cesare Battisti n. 4, Pinerolo (TO)

Programma:

h. 14.45 Registrazione dei partecipanti

h. 15.00 “Lo scenario nazionale sulla Green Economy. Il Rapporto Greenitaly 2014 della Fondazione Symbola e Unioncamere”- Marco Frey, Fondazione Symbola, Roma.

h. 15.30 “Green Economy: fuori dalla nicchia!. Risultati” - Claudia Galetto, Pracatinat s.c.p.a.; Marco Piana, IIS M. Buniva; Antonella Rosia, Liceo G.F. Porporato.

h. 16.00 Green economy e green education. Il ruolo delle istituzioni:
• “Progetti e iniziative delle scuole in chiave di cittadinanza attiva per la valorizzazione del rapporto con il territorio. Il ruolo del MIUR” - Paolo Corbucci, Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, MIUR, Roma.
• “La buona scuola per l'auto-imprenditorialità, i curricoli innovativi e la collaborazione scuole-imprese-territorio. Il ruolo del MIUR-USR Piemonte” - è stato invitato Fabrizio Manca, Direzione generale MIUR-USR Piemonte.
• “Le linee di indirizzo regionali sul rapporto tra sviluppo green, educazione e formazione” - Stefano Rigatelli, Direzione Ambiente Regione Piemonte.
• “Il ruolo dell'amministrazione locale a sostegno dei processi scuola-territorio” - Gianpiero Clement, Assessorato Istruzione e Sport Città di Pinerolo.
• “Declinazioni della Green education nelle scuole secondarie di secondo grado nel pinerolese” - Marco Bolla, Liceo scientifico M. Curie; Loredana Grabbi, IIS Alberti-Porro; Rinaldo Merlone, Istituto A. Prever.

h. 17.00 Spazio interventi per altre scuole e istituzioni, associazioni di categoria, ordini professionali, scuole di formazione professionale, professionisti e imprese.

h. 17.45 Conclusioni e rilanci a cura di Roberto Prinzio, ACEA Industriale Pinerolese e Marina Bertiglia, Pracatinat s.c.p.a., primi sottoscrittori del Protocollo d'Intesa che ha dato avvio al progetto.

Conduce Claudia Galetto, Pracatinat s.c.p.a.
All'incontro partecipa Alberto Maranetto, Eco del Chisone.

In collaborazione con: Camera di Commercio Torino, CFIQ - Consorzio Formazione Innovazione Qualità, CIA Torino, CNA Torino, Città Metropolitana di Torino, Coldiretti Torino, Collegio Geometri Torino, Confagricoltura Torino, Confartigianato Imprese Torino, IIS A. Prever, IIS Alberti-Porro, Liceo scientifico M. Curie, Ordine Architetti Torino, Ordine Ingegneri Torino, Scuola Malva Arnaldi, Scuola secondaria 1° F. Brignone, Scuola secondaria 1° L. Poet, Unione Industriale Torino.
Media partner: Eco del Chisone.

Info e iscrizioni [si richiede conferma di partecipazione via email o telefonica]:
Floriana Montani – 3349979064 –[email protected]
Sara Bouchard – 3392717750 - [email protected] - www.pracatinat.it

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti