Newsletter

La IX edizione di LuBeC si svolgerà il 17 e 18 ottobre 2013 nella consueta suggestiva cornice del Real Collegio di Lucca e proseguirà il 19 con l’iniziativa “Lucca aperta per LuBec”, quando la città si offrirà ai partecipanti con eventi e aperture straordinarie. L’incontro dedicato alla valorizzazione dei beni culturali ed al marketing turistico-territoriale, si è confermato negli anni come momento di accumulazione culturale, luogo di promozione di connessioni tra le istituzioni pubbliche, il mondo imprenditoriale, quello della formazione e della ricerca ed i professionisti.

 

Venerdì 18 ottobre 2013
9.30-13.00

PATRIMONIO CULTURALE TRA PUBBLICO E PRIVATO: LE OPPORTUNITÀ DELLA NUOVA GOVERNANCE A LIVELLO NAZIONALE ED EUROPEO

Il Decreto Valore Cultura 91/2013 e La contemporanea istituzione della Commissione per la revisione del codice dei beni culturali, consentono di attivare una seria riflessione sulla possibilità di far evolvere in modo virtuoso i modelli di gestione e valorizzazione del patrimonio culturale. In questo quadro si pone il tema centrale della collaborazione pubblico privato, che deve trovare riferimenti certi in un quadro regolamentare capace di cogliere le opportunità che vengono dall’intervento privato, mantenendo un ragionevole equilibrio con le esigenze di fruibilità e conservazione.
Contestualmente la programmazione Europea 2014 – 2020, di Europa Cultura, sostiene la capacità finanziaria dei settori culturali e creativi e la cooperazione politica transnazionale, l'innovazione, il rinnovamento della PA e nuovi modelli di business. Su questi temi – fortemente interconnessi - si apre il confronto, l’approfondimento e il dibattito, dal quale ci si augura che possano scaturire indicazioni valide per contribuire a trovate le soluzioni più appropriate.

PROGRAMMA:

Apre e presiede
Maddalena Ragni, DG per il Paesaggio, le Belle Arti, l’Architettura e l’Arte Contemporanea

Europa Creativa: contenuti e nuove opportunità
Silvia Costa, Parlamentare Europeo

Modera
Giuseppe Stancanelli, già Ordinario di Diritto Amministrativo Università di Roma Tor Vergata

Tavola rotonda

Trifone Altieri, Vicepresidente Provincia di Bari e Coordinatore UPI Assessori alla Cultura
Anna Maria Buzzi, DG Valorizzazione Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Roberto Grossi, Presidente Federculture
Alberto Garlandini, Presidente ICOM Italia
Ettore Pietrabissa, DG Arcus
Carmine Piscopo, Assessore alle Politiche Urbane, Urbanistica e Beni Comuni
Gian Bruno Ravenni, Dirigente Area Coordinamento Cultura - Regione Toscana
Fabio Renzi, Segretario Generale Fondazione Symbola

Conclude
Andrea Marcucci, Presidente Commissione Cultura Senato.

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO NELL'AREA DOWNLOAD.

Per maggiori informazioni:
Viale Luporini, 37/57
55100 - Lucca
tel. +39 0583 582783
fax. +39 0583 1900211
www.promopa.it
www.lubec.it

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti