Newsletter

Da Mazara del Vallo, un modello di soft economy per il settore della pesca e per tutti i paesi del Mediterraneo. Di questo si è discusso nel corso del Convegno Internazionale, Medi District, alla presenza del vice ministro allo sviluppo Sergio D’Antoni, di Paolo Terribile- presidente dei Distretti Italiani e Fabio Renzi- segretario generale di Symbola, la Fondazione per le qualità italiane.
Si sperimenteranno cosi’ nel Distretto Produttivo della Pesca di Mazara, presieduto da Giovanni Tumbiolo, grazie alla collaborazione con Symbola, i principi della soft-economy, principi che possono essere decisivi per la crescita della qualità e della produttività anche nel settore ittico. L’idea è quella di ricreare un equilibrio tra sfruttamento del mare e suo ripopolamento, motivazione tra gli operatori del settore, è innovazione al servizio dei saperi tradizionali. Volendo dimostrare che è possibile fare sviluppo proprio a partire dalla corretta gestione delle risorse ambientali e culturali dell’area.
Il distretto siciliano ha oggi i suoi punti di forza in una flotta di 352 unità, un primato nell’area mediterranea, e nella forte coesione tra i pescatori, gli operatori della lavorazione e della conservazione del pesce e dei cantieri navali. Il Distretto, che include tutta la provincia di Trapani e che ha il suo centro nella città e il porto di Mazara, ha un grande peso commerciale e istituzionale che lo rende polo di eccellenza nel mediterraneo, con un’ ampia dimensione extranazionale.
Nel corso del dibattito a Medi District Fabio Renzi, ha sostenuto: “La forza dell’area del Mediterraneo è nel suo patrimonio storico, culturale, territoriale e nella presenza di comunità che sono state capaci di sviluppare importanti realtà imprenditoriali.Il distretto di Mazara del Vallo è uno straordinario laboratorio che a partire dall’ integrazione tra la comunita italiane e quella magrebina, si pone l’obiettivo di costruire una realtà imprenditoriale e di governo di livello internazionale in grado di assicurare la corretta gestione della risorsa mare”.

Pesca Made in Italy: un modello per il Mediterraneo
Pesca Made in Italy: un modello per il Mediterraneo

ISCRIZIONE

Sei interessato ai temi della sostenibilità, innovazione e cultura? Iscriviti al sito di Fondazione Symbola e scopri i vantaggi. Potresti avere accesso a risorse esclusive quali rapporti, studi e documenti che Symbola pubblica periodicamente su argomenti legati alla qualità e alle eccellenze italiane. Inoltre, potresti avere la possibilità di entrare in contatto con una comunità di professionisti, aziende, enti e istituzioni che condividono valori e obiettivi legati alla sostenibilità e all’innovazione.


Non perderti la newsletter della Fondazione per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi, come rapporti, articoli di approfondimento e interviste con esperti, direttamente nella tua casella di posta. Resta informato sugli eventi e le conferenze organizzate da Symbola in collaborazione con altre organizzazioni, istituzioni e aziende. Uno strumento prezioso per mantenersi informati e connessi su un modello di sviluppo sostenibile e di qualità.


Aderisci al Manifesto di Assisi per essere parte di un movimento significativo che lavora per un futuro più sostenibile e responsabile, contribuendo attivamente al benessere sociale, economico e ambientale. Una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro.

Devi accedere per poter salvare i contenuti